Btp chiudono in ribasso, prevale cautela in attesa meeting Fed

martedì 18 giugno 2013 17:41
 

MILANO, 18 giugno (Reuters) - Chiusura in lieve calo per i
Btp che pure riescono a limitare la flessione rispetto ai Bund,
in una seduta dominata da un clima d'attesa per la conclusione
del meeting Fed, da cui domani sera potrebbero emergere nuove
indicazioni sull'evoluzione della politica monetaria Usa.
    Dopo un inizio di seduta positivo per la carta periferica,
grazie anche al buon dato della mattinata sulla fiducia di
analisti e investitori in Germania, i Btp sono
scivolati in negativo, ampliando la flessione nel pomeriggio. 
    "Per il momento domina la cautela, si guarda alla Fed e
quella di oggi è stata una giornata in cui il mercato ha voluto
ridurre il rischio delle posizioni" afferma il trader di una
banca internazionale, che parla per la seduta odierna di volumi
"bassini", in linea anche con l'inizio del periodo estivo.
"Credo che fino domani ci sarà un certo predominio della
volatilità".
    Lo spread di rendimento tra Btp e Bund decennali termina la
seduta in area 277 punti base, comunque sotto i 279 della
chiusura di ieri. Sul finale della scorsa settimana lo spread
era tornato a sfiorare quota 300 punti base, soglia rimasta
inviolata dalla metà di aprile.
    "La curva tende ad appiattirsi oggi, il peso è andato
soprattutto sulle scadenze centrali" spiega ancor il trader.
    In risalita, in chiusura, anche il rendimento sul dieci anni
italiano dal minimo intraday del 4,24%.
    D'altra parte oggi sul Bund pesa anche uno specifico fattore
offerta, con l'asta da 5 miliardi di euro di domani di titoli
decennali.
    
    MERCATO GUARDA A RIDUZIONE ACQUISTI BOND FED
    Sullo sfondo rimane l'impressione che la Fed possa far
intravedere già domani l'inizio della propria 'exit strategy'.
Gli operatori, a quanto emerge da un recente sondaggio Reuters,
sono convinti che la banca centrale Usa inizierà a ridurre
progressivamente gli acquisti di asset prima della fine
dell'anno, probabilmente già nel corso del terzo trimestre, per
arrivare ad un azzeramento del programma di 'quantitative
easing' entro metà 2014.
    "Bernanke tenterà probabilmente di continuare a preparare il
mercato ad un ridimensionamento del quantitative easing" spiega
lo strategist di Dz Bank Christian Lenk. "D'altra parte visto il
recente rialzo dei rendimenti ci andrà probabilmente cauto, per
cercare di non spaventare il mercato".
    Sul fronte europeo, intanto, il presidente della Bce Mario
Draghi è tornato ad utilizzare le armi verbali, ripetendo questa
mattina che Francoforte resta "pronta ad agire", se necessario,
a sostegno dell'economnia.
      
=========================== 17,30 ===========================   
FUTURES BUND SETTEMBRE      143,27   (-0,51)          
FUTURES BTP SETTEMBRE       111,98   (-0,22)           
BTP 2 ANNI (GIU 15)     101,973  (-0,106) 1,990%   
BTP 10 ANNI (MAG 23)   101,980  (-0,226) 4,295%
BTP 30 ANNI (SET 40)   101,383  (-0,145) 4,966% 
========================= SPREAD (PB)=========================  
                                             ULTIMA CHIUSURA    
TREASURY/BUND 10 ANNI   67            66 
BTP/BUND 2 ANNI          183           180        
BTP/BUND 10 ANNI       277           279  
livelli minimo/massimo              272,4-282,1  273,4-281,0   
BTP/BUND 30 ANNI       256           257        
 
SPREAD BTP 10/2 ANNI                   230,5         233,0   
SPREAD BTP 30/10 ANNI                  67,1           69,0      
============================================================== 
    
    
    Sul sito www.reuters.it le altre notizie Reuters in
italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia