PUNTO 1- Usa, Fmi conferma stima Pil 2013 a +1,9%, taglia 2014 a 2,7%

venerdì 14 giugno 2013 18:02
 

(aggiunge dichiarazioni Lagarde)

WASHINGTON, 14 giugno (Reuters) - Il Fondo monetario internazionale ha sollecitato oggi gli Stati Uniti a revocare i tagli radicali al budget federale che rappresenteranno un peso per la crescita economica quest'anno.

Nel suo rapporto annuale sullo stato di salute dell'economia Usa, il Fondo prevede che la crescita economica si attesti quest'anno all'1,9%, in linea con la stima di aprile.

L'organismo inoltre rivede al ribasso la sua stima per la crescita economica nel 2014 al 2,7%, al di sotto del 3% indicato due mesi fa.

Washington ha messo in atto a marzo una serie di tagli alla spesa, noti come sequester, perché il Congresso non è stato in grado di trovare un accordo su un'alternativa.

Parlando in conferenza stampa, il direttore del Fmi, Christine Lagarde, ha detto che l'organismo con sede a Washington si aspetta che a partire dal prossimo anno la Federal Reserve riduca l'ammontare dei bond che acquista ogni mese.

"Nei termini della nostra ipotesi per la previsione (economica) del prossimo anno, credo che abbiamo immaginato un calo molto lieve", ha detto Lagarde facendo riferimento agli acquisti mensili effettuati dalla Fed.

"La riduzione del deficit nel 2013 è stata troppo rapida", ha detto il Fmi che ha poi avverito che i tagli alle spese per istruzione, scienza e infrastrutture potrebbero ridurre la crescita potenziale degli Usa nel medio termine.

- Sul sito www.reuters.it le altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia