13 giugno 2013 / 17:48 / tra 4 anni

SINTESI - Saccomanni esclude per ora manovra dopo dubbi Bce

* Bce vede rischi su rispetto obiettivi deficit

* Ministro parla di congiuntura più severa del previsto

* Scelte Giappone e Usa incidono su Italia

* Non è possibile trovare al momento 8 mld per Iva e Imu

di Roberto Landucci e Giuseppe Fonte

ROMA, 13 giugno (Reuters) - Nonostante i dubbi della Banca centrale europea e un‘economia che mostra segni di ulteriore peggioramento, il governo italiano si mostra fiducioso di poter evitare una manovra correttiva per mantenere il deficit al 2,9% del Pil nel 2013, come promesso alla Commissione europea.

Interpellato da Reuters a margine dei lavori in Senato, il ministro dell‘Economia Fabrizio Saccomanni esclude per ora un nuovo intervento sui saldi di finanza pubblica e dice che “la manovra sul pagamento dei debiti della Pa può fare la differenza sull‘andamento [del Pil] di quest‘anno”.

Dopo i primi 40 miliardi tra 2013 e 2014, spiega infatti Saccomanni, il governo intende liquidare alle imprese fornitrici della pubblica amministrazione altri 20-30 miliardi.

L‘ex direttore generale della Banca d‘Italia accenna a una “eventuale accelerazione o aggiunta di rimborsi nella seconda parte dell‘anno”, attraverso le banche e la Banca europea per gli investimenti.

Per avere un quadro di finanza pubblica più dettagliato Saccomanni rimanda a settembre, dopo le elezioni tedesche e “dopo che si sarà stabilizzata questa turbolenza nei mercati di cui avremmo fatto volentieri a meno”.

BCE: “SFIDA CRUCIALE” PER LETTA DEFICIT ENTRO 3% PIL

A mettere in dubbio la tenuta del bilancio italiano è in mattinata la Banca centrale europea, che nel Bollettino mensile ricorda al governo di Enrico Letta come sia “una sfida cruciale per la politica di bilancio” mantenere l‘indebitamento entro il 3% del Pil “nel prossimo futuro”.

“Un‘evoluzione macroeconomica peggiore delle aspettative, ma anche un rallentamento delle entrate rispetto alle dinamiche ipotizzate nonché maggiori spese”, sono i principali “rischi connessi agli interventi di riduzione del disavanzo”, dice la Bce.

Saccomanni conferma in un intervento al Senato che l‘economia dovrebbe cominciare a riprendersi nella seconda parte dell‘anno. Avverte, però, che “rispetto a qualche settimana fa, la situazione mostra segni che non sono precisamente incoraggianti”.

“I dati riguardanti il primo trimestre mostrano un quadro peggiore. Questo significa non solo una decrescita ancora seria ma comporta dati negativi anche per quanto riguarda il gettito delle imposte e in particolare dell‘Iva”, spiega Saccomanni rivolto a una maggioranza che si era fatta forse troppe illusioni sulle risorse a disposizione per politiche di sostegno alla domanda.

POLITICA MONETARIA DI GIAPPONE E USA PESA SU ITALIA

“L‘altro importante fattore è che purtroppo, per motivi del tutto estranei alla situazione economica italana, si sono riprodotte tensioni sui mercati finanziari. Sono tensioni di origine americana e giapponese e riguardano il senso, l‘intensità della politica monetaria che questi paesi hanno in animo di intraprendere”, prosegue il ministro.

Secondo Saccomanni, infatti, “ci sono forti ripercussioni sui mercati che si aspettano un rialzo dei tassi di interesse. Questo sta provocando una serie di operazioni di tipo compensativo da parte degli intermediari, che stanno vendendo obbligazioni emesse da vari paesi emergenti e naturalmente da paesi europei con un effetto negativo sulle quotazioni”.

Per questo Saccomanni invita i partiti che sostengono il governo a mostrare prudenza. Bloccare l‘aumento dell‘Iva ed esentare la prima casa dal pagamento dell‘Imu, come chiede il Pdl, richiede 8 miliardi su base annua, “interventi di tipo compensativo di estrema severità, che al momento attuale non sono rinvenibili”.

I rigidi margini sul bilancio inducono il governo a valutare tutte le opzioni per quel che riguarda il previsto aumento dell‘Iva: “All‘esame c‘è anche la possibilità di ridurla di tre mesi o di rinviarla per un certo tempo che consenta di guardare con più chiarezza all‘evoluzione della situazione economica”.

Sul sito www.reuters.com altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia

0 : 0
  • narrow-browser-and-phone
  • medium-browser-and-portrait-tablet
  • landscape-tablet
  • medium-wide-browser
  • wide-browser-and-larger
  • medium-browser-and-landscape-tablet
  • medium-wide-browser-and-larger
  • above-phone
  • portrait-tablet-and-above
  • above-portrait-tablet
  • landscape-tablet-and-above
  • landscape-tablet-and-medium-wide-browser
  • portrait-tablet-and-below
  • landscape-tablet-and-below