PUNTO 1 - Debiti Pa, da rimborsare altri 20-30 mld - Saccomanni

giovedì 13 giugno 2013 18:13
 

(Aggiunge dichiarazioni Saccomanni e contesto)

ROMA, 13 giugno (Reuters) - Il governo dovrebbe liquidare alle imprese fornitrici della pubblica amministrazione altri 20-30 miliardi entro il 2014 dopo i primi 40 per riportare la dinamica dei pagamenti a un livello più fisiologico.

La stima è del ministro dell'Economia, Fabrizio Saccomanni, e tiene conto di una parte di fatture pendenti che non va liquidata perché è fisiologica.

"Se si toglie un ammontare precauzionale, probabilmente l'importo oltre i 40 miliardi dovrebbe essere di 20-30 miliardi", ha detto Saccomanni intervenendo in aula al Senato.

Il ministro si è riferito ad una analisi fatta dall'attuale Ragioniere generale dello Stato, Daniele Franco, quando era ancora in Banca d'Italia.

"L'ammontare di 80-90 miliardi [di debiti della Pa stimato da Bankitalia] comprendeva una parte non trascurabile di quel che deve essere ritenuto fisiologico. Ci sono in quell'ammontare dei debiti che scadono tra 30 giorni e che quindi non devono essere pagati oggi", ha detto Saccomanni.

Dietro garanzia dello Stato, il ministro ha confermato che il governo intende coinvolgere le banche nel processo di rimborso e ha parlato anche di un ruolo della Banca europea per gli investimenti.

"È in quel contesto, di eventuale accelerazione o aggiunta di rimborso dei debiti nella seconda parte dell'anno, che si potrà utilizzare anche questo tipo di modalità", ha detto il ministro.

(Giuseppe Fonte e Roberto Landucci)

Sul sito www.reuters.com altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia