Bce dice che è cruciale per Italia mantenere deficit entro 3% Pil

giovedì 13 giugno 2013 10:21
 

ROMA, 13 giugno (Reuters) - È "una sfida cruciale" per il nuovo governo di Enrico Letta assicurarsi che il deficit non superi il 3% del Pil nel prossimo futuro.

Lo dice nel bollettino mensile la Banca centrale europea promuovendo la politica di bilancio portata avanti finora dall'Italia.

"Occorre attenersi con rigore al percorso di moderazione del disavanzo specificato nell'aggiornamento per il 2013 al fine di ridurre al minimo il rischio che, nel prossimo futuro, venga superato di nuovo il valore di riferimento del 3% del Pil", dice la Bce.

"Si tratta di una sfida cruciale per la politica di bilancio del nuovo governo che si è insediato il 28 aprile scorso", prosegue la Banca centrale europea.

L'Italia si è impegnata con la Commissione europea a mantenere l'indebitamento al 2,9% del Pil nel 2013.

L'invito a non abbassare la guardia deriva dai "rischi connessi agli interventi di riduzione del disavanzo", che per Francoforte "riguardano soprattutto un'evoluzione macroeconomica peggiore delle aspettative, ma anche un rallentamento delle entrate rispetto alle dinamiche ipotizzate nonché maggiori spese".

Sul sito www.reuters.com altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia