11 giugno 2013 / 15:19 / 4 anni fa

PUNTO 2-Senatrice M5s critica Grillo su voto. Lui: allora vattene

* Senatrice M5s lancia la polemica: sconfitti a causa di Grillo

* Pronta replica del comico sul blog: dite se il problema sono io

* Poi rincara la dose: quando uno vale niente. Se ne vada (Aggiunge ulteriore replica di Grillo a senatrice)

di Francesca Piscioneri

ROMA, 11 giugno (Reuters) - Il Movimento 5 stelle continua a perdere coesione e pezzi a ventiquattro ore dal deludente esito del voto alle comunali.

La senatrice Adele Gambaro, che oggi ha attribuito a Beppe Grillo la responsabilità della sconfitta, è 'invitata' dal comico genovese a lasciare il movimento attraverso un post dal titolo 'Quando uno vale niente'.

E così, dopo l'estromissione del dissidente Marino Mastrangeli - reo di aver partecipato senza permesso a un talk show televisivo - e l'abbandono la scorsa settimana di due parlamentari pugliesi, gli stellati stanno per perdere un'altra mostrina.

Gambaro, commentando il voto su Skytg24 nel primo pomeriggio, ha detto: "Due comuni conquistati [Pomezia e Assemini] non sono un successo, ma una debacle elettorale. Inoltre ci sono percentuali molto basse. Stiamo pagando i toni e la comunicazione di Beppe Grillo, i suoi post minacciosi. Mi chiedo come possa parlare male del Parlamento se qui non lo abbiamo mai visto. Lo invito a scrivere meno e osservare di più".

Il Movimento 5 stelle ha conquistato il sindaco in due piccoli comuni, perdendo consensi ovunque rispetto all'exploit del voto politico di febbraio dove i grillini si erano imposti con il 25%. Negativo anche il risultato siciliano dopo che a febbraio il M5s aveva anche registrato punto oltre il 40% e ora va al ballottaggio solo a Ragusa con meno del 16% dei consensi ed altrove ha percentuali inferiori al 5%.

"Il problema del MoVimento è Beppe Grillo, noi il lavoro lo stiamo facendo e questo non viene percepito. Credo che altri all'interno del Parlamento abbiano le mie stesse idee; il disagio c'è ed è evidente, ma non arriva a un dissenso vero e proprio", ha aggiunto la senatrice.

Grillo reagisce prima lanciando attraverso la rete un referendum su di sé: "Vorrei sapere cosa pensa il Movimento 5 stelle di queste affermazioni, se sono io il problema".

Poi chiede alla senatrice di lasciare il M5s: "La senatrice Adele Gambaro ha rilasciato dichiarazioni false e lesive nei miei confronti, in particolare sulla mia valutazione del Parlamento, danneggiando oltre alla mia immagine, lo stesso Movimento 5 stelle. Per questo motivo la invito per coerenza a uscire al più presto dal M5s", si legge in un post.

ESITO VOTO DRAMMATICO, ITALIA SENZA SPERANZA

Prima che scoppiasse la polemica interna Grillo, in un post titolato 'Vittorie di Pirro', aveva rilasciato il primo commento al voto sminuendo il successo altrui e parlando di esito elettorale triste, sintomo di una sempre maggiore perdita di fiducia degli italiani nella politica.

"L'esito delle elezioni è drammatico per l'Italia. Gli italiani, la maggioranza degli italiani, cominciano a perdere la speranza. E questo è molto triste".

Il comico descrive l'Italia come un Paese in "elezione permanente" dove chiunque vinca non cambia mai nulla mentre l'astensionismo cresce, e se la prende con il governo del "Nipote Letta" che ha fatto "solo annunci, il più ridicolo è il taglio dei rimborsi elettorali, mai avvenuto".

Grillo difende il movimento dalle critiche che attribuiscono il calo dei consensi alla scarsità di iniziative rispetto alle promesse elettorali: "M5s ha presentato proposte di legge per le Pmi, per l'abolizione dei contributi pubblici ai giornali e ai partiti, ha spinto l'iniziativa di cancellazione del Porcellum, e per il ritiro delle nostre truppe dall'Afghanistan. E ha rinunciato ai rimborsi elettorali per 42 milioni, si è dimezzata lo stipendio parlamentare pari circa a 350.000 euro al mese".

"Le proposte di legge del M5s sono ignorate, respinte. Il M5s è legalitario, pacifico, ghandiano. Cosa ci si aspettava? Che dessimo fuoco al Parlamento?", scrive Grillo.

I parlamentari a 5 stelle, che stamani hanno votato per il nuovo capogruppo in Senato al posto di Vito Crimi - il calabrese Nicola Morra -, non hanno fatto cenno al deludente risultato elettorale durante la riunione trasmessa in diretta streaming.

Sul sito www.reuters.it altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia

0 : 0
  • narrow-browser-and-phone
  • medium-browser-and-portrait-tablet
  • landscape-tablet
  • medium-wide-browser
  • wide-browser-and-larger
  • medium-browser-and-landscape-tablet
  • medium-wide-browser-and-larger
  • above-phone
  • portrait-tablet-and-above
  • above-portrait-tablet
  • landscape-tablet-and-above
  • landscape-tablet-and-medium-wide-browser
  • portrait-tablet-and-below
  • landscape-tablet-and-below