31 maggio 2013 / 14:13 / 4 anni fa

PUNTO 2-Letta promette piano giovani prima di Consiglio Ue giugno

* Letta: Camere approvino piano prima dell'estate

* Saccomanni vuole negoziare con Ue embrione di Golden rule

* Van Rompuy spera in azione Bce-Bei a sostegno Pmi (Aggiunge dettagli)

ROMA, 31 maggio (Reuters) - L'Italia presenterà un "piano nazionale" di sostegno all'occupazione giovanile prima del Consiglio europeo di giugno.

La promessa arriva dal presidente del Consiglio, Enrico Letta, nel corso della conferenza stampa congiunta con il presidente del Consiglio europeo, Herman Van Rompuy.

"Per il Consiglio dei ministri prima del Consiglio europeo saremo in grado di approvare questo programma nazionale", ha detto Letta.

"Saranno provvedimenti a 360 gradi e cercheremo di far sì che vengano approvati dal Parlamento prima dell'estate", affinché comincino ad avere effetto già nel secondo semestre del 2013, ha aggiunto Letta assicurando che l'Italia rispetterà "le regole di bilancio" europee.

Il presidente del Consiglio non ha fatto alcun riferimento ai nuovi margini sul bilancio che l'Italia vuole negoziare con l'Europa per finanziare interventi di stimolo all'attività economica.

In un'intervista al quotidiano Il Sole 24 ore, il ministro dell'Economia Fabrizio Saccomanni ha ribadito l'obiettivo di "dedurre dal computo del deficit la quota nazionale di cofinanziamento dei fondi strutturali europei".

Il 2 maggio l'ex direttore generale di Bankitalia aveva indicato in 10-12 miliardi la mole di investimenti che il governo punta a 'liberare' dal Patto di stabilità entro il 2015.

Con il quotidiano di Confindustria Saccomanni si mostra più prudente e dice che il governo deve ancora valutare le risorse impiegabili, "anche in base all'andamento della crescita e del deficit".

VAN ROMPUY PROSPETTA INTERVENTO BCE-BEI A SOSTEGNO PMI

Dalla Commissione europea arrivano però i primi segnali di cautela. Secondo quanto spiegano due fonti comunitarie, l'uscita dalla procedura per deficit eccessivo non assicura all'Italia grandi spazi di manovra sul bilancio pubblico.

Letta si mostra soddisfatto dei contatti avuti con gli altri Stati membri: "Possiamo dire che quello che era uno degli obiettivi principali è diventato realtà, ormai il tema della disoccupazione giovanile è diventato il cuore dell'impegno europeo del prossimo vertice".

Illustrando le linee d'azione dell'imminente Consiglio europeo, Van Rompuy ha detto di attendersi che la Banca europea per gli investimenti "aumenti in modo consistente volume e portata degli interventi a sostegno delle piccole e medie imprese".

Di più, Van Rompuy prospetta un "intervento congiunto" Bei-Bce a sostegno delle imprese di minori dimensioni e si augura che lo schema dell'operazione possa vedere la luce prima del Consiglio europeo.

"La situazione non è per nulla soddisfacente in parecchi paesi, compresa l'Italia, dove l'accesso al credito è più difficile e costoso", dice il presidente del Consiglio europeo.

Il 15 aprile il presidente della Bce, Mario Draghi, ha ipotizzato che la Bei e i governi nazionali potrebbero fornire parte dell'incentivo necessario a sostenere il rischio di finanziamento delle Pmi.

Quattro giorni dopo il consigliere esecutivo della Bce, Yves Mersch, ha detto che il problema del credito alle imprese può essere superato anche rilanciando lo strumento delle cartolarizzazioni.

Sul sito www.reuters.com altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia

0 : 0
  • narrow-browser-and-phone
  • medium-browser-and-portrait-tablet
  • landscape-tablet
  • medium-wide-browser
  • wide-browser-and-larger
  • medium-browser-and-landscape-tablet
  • medium-wide-browser-and-larger
  • above-phone
  • portrait-tablet-and-above
  • above-portrait-tablet
  • landscape-tablet-and-above
  • landscape-tablet-and-medium-wide-browser
  • portrait-tablet-and-below
  • landscape-tablet-and-below