Italia, incertezza politica fattore rischio per effetto Omt Bce -Fmi

mercoledì 17 aprile 2013 15:01
 

di Elvira Pollina

MILANO, 17 aprile (Reuters) - Fattori di rischio politico, come lo stallo post-elettorale italiano, potrebbero minare il clima di fiducia di cui continuano a beneficiare i mercati grazie all'annuncio del programma di acquisto di titoli di Stato Outright Monetary Transaction (Omt), predisposto dalla Banca centrale europea.

E' quanto si legge nel primo capitolo del 'Global Financial Stability Report', rapporto del Fondo monetario internazionale dedicato ai rischi per il sistema finanziario globale.

"Sebbene investitori e funzionari sembrano fiduciosi che l'Omt della Bce possa rimanere un programma virtuale, questa dinamica potrebbe cambiare. In particolare, gli sviluppi politici potrebbero complicarne l'implementazione, come evidenziato dall'incertezza che sta circondando l'esito delle elezioni in Italia", avverte il Fondo.

Dopo aver avvertito che avrebbe fatto qualsiasi cosa a salvaguardia dell'euro, la Bce si è impegnata a settembre ad effettuare acquisti illimitati di titoli di Stato con scadenza fino a tre anni per sostenere i Paesi messi sotto pressione dal mercato, previa specifica richiesta e sottoscrizione di precise condizioni da parte dei governi.

L'organismo guidato da Christine Lagarde riconosce che il salvagente predisposto da Francoforte ha ridotto il rischio di una crisi di liquidità per gli emittenti sovrani e, insieme con i continui passi avanti in direzione di un'unione bancaria e lo sconto sul debito concesso alla Grecia, diminuito il rischio di una qualche forma di rottura dell'euro.

"Questi ampi miglioramenti... hanno contribuito a potenziare la resilienza dei mercati finanziari di fronte all'incertezza politica in Italia e agli eventi di Cipro", ammette il team guidato da José Vinals, responsabile del dipartimento monetario e dei mercati di capitali dell'organismo di Washington.

E' bastato finora dunque il semplice 'effetto annuncio' del programma Omt a rasserenare i mercati, riportando i rendimenti dei titoli di Stato italiani e spagnoli ben sotto i livelli di guardia.

Ma fattori di rischio politico, come l'incertezza post-elettorale in cui versa Roma, che a quasi due mesi dalle elezioni non ha ancora un nuovo governo, potrebbero minare la fiducia che lo scudo predisposto dalla Bce possa continuare a esercitare la funzione deterrente finora svolta senza essere stato attivato. Eventualità, quest'ultima, che porterebbe i mercati in un territorio del tutto inesplorato.   Continua...