Pensioni, spesa 2011 a 266 mld, +2,9% per aumento assegni - Istat

mercoledì 17 aprile 2013 10:17
 

ROMA, 17 aprile (Reuters) - Nel 2011 la spesa pensionistica totale è cresciuta su base annua del 2,9% a 265,963 miliardi di euro.

Lo rende noto l'Istat spiegando che l'incremento è dovuto all'aumento dell'importo medio delle prestazioni eerogate, pari al 3,2%.

Le pensioni di vecchiaia assorbono il 71,6% della spesa pensionistica totale, quelle ai superstiti il 14,7%, quelle di invalidità il 4,2%. Le pensioni assistenziali pesano per il 7,9% e le indennitarie per l'1,7%.

L'importo medio annuo delle pensioni è pari a 11.229 euro. I titolari di assegno sono 16,7 milioni e, poiché un terzo dei pensionati conta su più di un assegno, ognuno di essi percepisce in media 15.957 euro.

Il 13,3% dei pensionati riceve meno di 500 euro al mese. Il 30,8% tra i 500 e i 1.000 euro, il 23,1% tra i 1.000 e i 1.500 euro e il restante 32,8% percepisce un importo superiore ai 1.500 euro.

Le donne rappresentano il 52,9% dei pensionati e percepiscono assegni di importo medio pari a 13.228 euro (contro i 19.022 euro degli uomini). Oltre la metà delle donne (53,4%) riceve meno di mille euro al mese, a fronte di circa un terzo (33,6%) degli uomini.

Il 27,8% dei pensionati ha meno di 65 anni, il 49,2% ha un'età compresa tra 65 e 79 anni, il 23% ne ha più di 80.

Sul sito www.reuters.com altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia