Cdp, capitale utilizzato, più patrimonio per aumentare leva - AD

martedì 16 aprile 2013 18:01
 

ROMA, 16 aprile (Reuters) - La Cassa depositi e prestiti ha un capitale "pienamente utilizzato" e deve rispettare i limiti alla leva finanziaria stabiliti dagli accordi di Basilea.

Lo dice l'amministratore delegato Giovanni Gorno Tempini rispondendo, in commissione speciale alla Camera, a chi chiede che Cdp svolga un ruolo maggiore nel liquidare i debiti commerciali della pubblica amministrazione.

"Possiamo assumerci livelli di attività dipendenti dal livello di patrimonializzazione. E oggi, sulla base dei dati del 2012, il capitale è pienamente utilizzato. Abbiamo usato tutto ciò che potevamo usare", ha detto Gorno Tempini.

Inoltre, "Cdp è molto liquida, ma la liquidità è sul conto di tesoreria del Tesoro. Se la Cassa usa quei fondi il Tesoro deve emettere più titoli", ha aggiunto.

Secondo Gorno Tempini, Cdp potrebbe aumentare ulteriormente il suo raggio di azione nell'economia se venisse ripatrimonializzata. A fronte del capitale in più, la Cassa avrebbe nuovi margini per emettere nuovo debito sul mercato rispettando i principi di sana e prudente gestione.

Il presidente della Cassa depositi e prestiti, Franco Bassanini, dice che si possono ipotizzare "molti modi" per ricapitalizzare Cdp senza incidere sul bilancio pubblico.

"Ci sono molti modi che non costano e non alterano i saldi di finanza pubblica. Però non spetta a noi, come e quando farlo", ha detto Bassanini.

Sul sito www.reuters.com altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia