Arca sgr punta a muovere primi passi in investimenti bond Pmi

martedì 16 aprile 2013 15:39
 

MILANO, 16 aprile (Reuters) - Forte delle relazioni con i clienti della propria rete distributiva bancaria, Arca sgr punta a muovere i primi passi nel territorio, finora di nicchia, degli investimenti nelle emissioni di piccole e medie imprese in buona salute a cui le banche hanno chiuso i rubinetti del credito.

E' quanto emerso oggi in occasione della presentazione di uno studio di Promoteia che ha analizzato le nuove forme di finanziamento alle Pmi nella cornice prevista dal decreto sviluppo e il ruolo del risparmio gestito.

Per Prometeia nel triennio 2013-2015 per coprire gli investimenti industriali ci sarà bisogno di 120 miliardi di euro, un gap finanziario da colmare attraverso l'autofinanzimento, nuovo equity e capitale di debito non bancario. Di qui la necessità di ricorrere a cambiali finanziarie, obbligazioni e strumenti di debito subordinati e partecipativi, nuove possibilità di finanziamento offerte dal decreto sviluppo. Assegnando contestualmente al risparmio gestito il compito di selezionare le opportunità di finanziamento e veicolare soluzioni di investimento adeguate non solo agli investitori istituzionali ma anche al retail.

"Vogliamo muovere i primi passi in questo segmento con la legislazione esistente", ha detto l'AD Ugo Loser.

Attualmente i fondi comuni non possono investire in asset altamente illiquidi come le obbligazioni di una piccola e media impresa. Un vincolo normativo che si potrebbe aggirare con un fondo alternativo oppure facendo ricorso ad un Ucits che può investire fino al 20% in questi strumenti. I nodi da sciogliere tuttavia sono molti, non ultimo quello di creare le condizioni perchè il sottoscrittore sia attirato da un investimento meno liquido con un orizzonte di medio-lungo periodo.

"C'è un problema di gap culturale fra sottoscrittori, consulenti bancari e imprenditori che devono aprirsi a livello di trasparenza e di governance", ha aggiunto Loser.

Strade alternative al credito bancario sono già battute in Germania fin dal 2010-2011 con emissioni in segmenti dedicati su mercati regolamentati e, più recentemente, in Francia attraverso la sottoscrizione di debito di Pmi da parte del fondo chiuso Micado France 2018 e con il "GIAC", che offre finanziamenti di lungo periodo alle aziende francesi.

(Maria Pia Quaglia)

Sul sito www.reuters.it altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia