Debiti Pa, 15-20 mld di Btp per rimborso a banche - Passera

venerdì 12 aprile 2013 12:52
 

ROMA, 12 aprile (Reuters) - Le banche potranno ricevere 15-20 miliardi in titoli di Stato a fronte dei crediti commerciali che hanno comprato dalle imprese fornitrici della pubblica amministrazione.

Lo precisa il ministro dello Sviluppo economico, Corrado Passera, intervendo a Radio Anch'io.

"Scadenze, conti e quantità sono previste per i 40 miliardi e in più il decreto prevede chiaramente come si va a chiudere completamente il tema dei debiti, perché viene chiesto agli intermediari finanziari di censire tutti i debiti che le imprese hanno ceduto pro soluto alle banche e questi verranno poi coperti e chiusi con una emissione dedicata che noi stimiamo essere tra i 15 e 20 miliardi", ha detto Passera.

"Poi tutte le pubbliche amministrazioni finalmente dovranno fare il censimento trasparente e completo di tutti i debiti che hanno ancora e con la finanziaria del prossimo anno si dovrà prevedere come si chiudono le ultime posizioni", ha aggiunto.

Il decreto disciplina il pagamento alle imprese di 40 miliardi di debiti della Pa tra 2013 e 2014. Il grosso dell'operazione si traduce in rimborsi di debiti commerciali. Una quota residua dei 40 miliardi deriva da nuovi investimenti cofinanziati dall'Europa e, su richiesta delle imprese, da maggiori compensazioni tra crediti e debiti fiscali.

Senza indicare obiettivi precisi, l'articolo 7 prevede che la Legge di stabilità del 2014 possa autorizzare pagamenti con titoli di Stato a favore delle banche che hanno comprato i crediti dalle imprese. Il passaggio preliminare è il censimento di tutti i crediti ceduti, pro soluto e pro solvendo, che l'Abi dovrà concludere e rendere noto entro il 15 settembre.

Sia il Tesoro, sia Bankitalia hanno stimato in circa 9 miliardi il totale delle fatture scontate dalle banche pro soluto.

Ieri la responsabile del debito pubblico, Maria Cannata, ha risposto "questa ipotesi non è nella legge" alla domanda se i primi 40 miliardi di pagamenti potranno aumentare.

Passera oggi ribadisce che i rimborsi potranno arrivare a 60 miliardi: "Glielo confermo, nel senso che il decreto prevede che ci sia una emissione dedicata di titoli, cioè di ripagamento con titoli di Stato, alle banche per i crediti che le imprese hanno loro ceduto pro soluto e questo è stimabile intorno a quella cifra".   Continua...