Btp, calo su prese profitto dopo buone aste, spread torna su 300

giovedì 11 aprile 2013 17:24
 

MILANO, 11 aprile (Reuters) - Chiusura in calo per il
secondario italiano su prese di profitto dopo una mattinata
d'aste piuttosto tonica che ha visto lo spread scendere fino in
area 295 punti base, ai minimi dallo scorso 25 febbraio, prima
che la situazione di ingovernabilità politica del paese
iniziasse a pesare.
    Parallelamente il future sul Bund, che ha toccato in seduta
un minimo di 144,93, per un calo di 42 tick, ha ridotto il suo
ribasso, pur mantenendosi al di sotto dei livelli di chiusura di
ieri.
    "Sono movimenti tecnici dovuti a prese di profitto su Italia
e Spagna, che sono i mercati che hanno 'performato' meglio nelle
ultime sedute. Non direi che sono state le aste, che sono andare
molto bene, nonostante una domanda meno buona sul 15 anni" dice
un trader. "La situazione politica incerta porta comunque a una
volatilità sul mercato nel breve termine".
    In questo contesto la crisi politica sembra però, secondo
alcuni strategist, restare sullo sfondo, e anzi le aperture di
Pd e Pdl verso la formazione di un possibile governo di scopo
avrebbero secondo alcuni beneficiato il mercato. 
    "Continuiamo a ritenere che l'allentamento delle tensioni
sull'incertezza politica italiana dopo l'apertura dei due
principali partiti alla formazione del Governissimo abbia avuto
effetti positivi sui mercati" dice Filippo Diodovich di IG.
    
    BUONE ASTE, MA DOMANDA DEBOLE SU 15 ANNI, ATTESA BTP ITALIA
    Il Tesoro italiano ha collocato oggi 7,169 miliardi di euro
di titoli, tra cui il nuovo Btp triennale, su un range d'offerta
di 5,5-7,5 miliardi, con rendimenti in calo su tutte le
emissioni. La domanda è stata complessivamente buona, con
qualche punto però di delusione relativamente al 15 anni
.
     "Complessivamente un collocamento soddisfacente. C'è stata
un po' più di debolezza di domanda sul quindici anni" dice
Alessandro Giansanti, strategist di Ing.   
   Il mercato attende adesso l'imminente collocamento del Btp
Italia. Per quanto riguarda la povera domanda sul 15 anni,
Chiara Cremonesi di Unicredit osserva: "Da dire che può essere
che alcuni investitori si siano tenuti la liquidità per
l'imminente offerta del Btp Italia, forse".
    "L'appetito verso la parte medio-breve della curva italiana
è un'ottima premessa per quanto riguarda l'emissione del Btp
Italia. La crisi politica resta sullo sfondo" dice Giansanti. 
    A fine marzo il Tesoro ha comunicato che renderà nota la
cedola minima della quarta tranche del Btp Italia quadriennale
domani. Come già annunciato, il collocamento durerà quattro
giorni, dal 15 al 18 aprile, salvo chiusura anticipata dopo i
primi due giorni di collocamento. 
          
=========================== 17,30 ============================  
FUTURES BUND GIUGNO         145,26   (-0,09)           
FUTURES BTP GIUGNO          111,97   (-0,14)           
BTP 2 ANNI  (MAR 15)    100,470  (-0,038) 1,705%   
BTP 10 ANNI (NOV 22)   109,417  (-0,142) 4,332%
BTP 30 ANNI (SET 40)   100,020  (-0,524) 5,060% 
========================= SPREAD (PB)=========================  
                                             ULTIMA CHIUSURA    
TREASURY/BUND 10 ANNI   49            49 
BTP/BUND 2 ANNI          168           164        
BTP/BUND 10 ANNI       303           302  
livelli minimo/massimo              295,3-306,1  300,6-308,1   
BTP/BUND 30 ANNI       285           284        
 
SPREAD BTP 10/2 ANNI                   262,7         263,0   
SPREAD BTP 30/10 ANNI                   72,8         70,9       
============================================================== 
   
Sul sito www.reuters.it altre notizie Reuters in italiano. 
Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia