Expo, Maroni e Pisapia chiedono legge speciale e commissario unico

mercoledì 10 aprile 2013 18:28
 

MILANO, 10 aprile (Reuters) - Il presidente della Regione Lombardia Roberto Maroni e il sindaco di Milano Giuliano Pisapia chiederanno al governo una legge speciale per Expo 2015 - come quelle deliberate per il Giubileo e le Olimpiadi invernali - e la nomina di un commissario unico, contro i due attuali, che abbia la fiducia dei due enti e che "possa dedicarsi a tempo pieno alla manifestazione".

Lo hanno annunciato il governatore e il primo cittadino al termine di una riunione.

"Se ci saranno la legge speciale e il commissario unico possiamo farcela completando anche tutte le infrastrutture previste per Expo", ha spiegato Maroni, che domani andrà a Roma per presentare le istanze al governo.

Riguardo alla possibile cancellazione da parte dell'esecutivo di 10 milioni di euro di finanziamento per l'esposizione universale, Maroni ha detto di non credere che "mancheranno questi fondi, anche perché la nostra interpretazione è che non possano esserci tagli sulle manifestazioni, come Expo, frutto di accordi internazionali".

Pisapia - che ricopre il ruolo di commissario straordinario di Expo, mentre l'ex-governatore lombardo Roberto Formigoni è ancora in carica come commissario generale - ha ribadito che non appena ci sarà un nuovo governo sarà reiterata la richiesta di derogare al patto di stabilità, visto che "Expo è un evento di interesse nazionale".

- Sul sito www.reuters.it le altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia