Debiti Pa, in corso Cdm su decreto. Presto in Gazzetta ufficiale

sabato 6 aprile 2013 11:20
 

ROMA, 6 aprile (Reuters) - È in corso a Palazzo Chigi il Consiglio dei ministri sul decreto che definisce i termini per liquidare alle imprese fornitrici della pubblica amministrazione 40 miliardi di debiti commerciali tra 2013 e 2014.

Secondo una fonte governativa, il provvedimento potrebbe arrivare già stasera al Quirinale con l'obiettivo di velocizzare la pubblicazione in Gazzetta ufficiale e di conseguenza l'entrata in vigore.

La bozza del provvedimento conferma l'obiettivo di liquidare 20 miliardi quest'anno e altri 20 nel 2014. Il grosso della copertura deriva dall'emissione di nuovo debito pubblico e i maggiori interessi passivi saranno compensati da una "corrispondente riduzione lineare" dei bilanci ministeriali.

Lo schema dell'operazione dovrebbe essere sostanzialmente definito. Attraverso un allentamento del Patto di stabilità interno il governo mette sul piatto 5 miliardi per i comuni e le province che hanno avanzi di cassa. Gli enti locali in disavanzo potranno attingere a un fondo con una dotazione di 2 miliardi sia nel 2013 che nel 2014 (sarà la Cassa depositi e prestiti a gestire la liquidità).

Un secondo fondo permetterà alle Regioni in rosso di ripagare debiti non sanitari per 3 miliardi quest'anno e 5 nel 2014. Nel caso dei debiti sanitari, il ministero dell'Economia fornirà ai governatori anticipazioni di liquidità fino a 14 miliardi in due anni (5 più 9).

Le risorse per i debiti delle amministrazioni statali ammontano a 3 miliardi nel 2013 e a 4 miliardi nel 2014.

La liquidazione dei debiti commerciali farà salire nel 2013 il rapporto deficit/Pil al 2,9% del Pil dal 2,4% tendenziale. Il ministero dell'Economia si tiene pronto a "correttivi urgenti" nel caso l'indebitamento arrivasse troppo vicino alla soglia massima del 3% stabilita dal Patto di stabilità europeo.

Sul sito www.reuters.com altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia