Energia, agevolazioni su accise a imprese con costo sopra 3% fatturato

venerdì 5 aprile 2013 16:57
 

ROMA, 5 aprile (Reuters) - Le imprese italiane più "energivore", quelle con un costo totale dell'energia superiore al 3% del fatturato, avranno diritto ad agevolazioni sulle accise, mentre le aziende con un rapporto di almeno il 2% tra costo energetico e giro d'affari potranno usufruire di una riduzione degli oneri di sistema.

Lo stabilisce un decreto ministeriale firmato oggi dal responsabile dello Sviluppo economico Corrado Passera e da quello dell'Economia Vittorio Grilli, in attuazione del decreto sviluppo, che è stato annunciato a grandi linee in un comunicato stampa.

La decisione cambia i termini di valutazione delle imprese ad alta intensità energetica: non basta infatti indicare qual è il valore assoluto della bolletta, ma anche qual è l'incidenza del costo energetico sul volume complessivo d'affari, dice la nota.

Il provvedimento, secondo Passera, serve a favorire "il rafforzamento della competitività di migliaia di aziende medio-piccole, i cui costi energetici incidono in maniera importante sulle proprie attività".

"Le agevolazioni applicate sono coerenti con quanto previsto dalla normativa comunitaria e in linea con quelle concesse da diversi altri Paesi membri, come ad esempio la Germania", ha detto ancora il ministro.

Nel corso delle prossime settimane il governo definirà poi l'atto d'indirizzo relativo per l'Autorità per l'energia elettrica e il gas, che dovrà rimodulare gli oneri.

Sul sito it.reuters.com le notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia