Ue, Italia non aumenti debito 'oltre limiti' nel pagare fatture PA

giovedì 4 aprile 2013 13:05
 

BRUXELLES, 4 aprile (Reuters) - La Commissione europea ha precisato oggi che l'Italia dovrà evitare di aumentare il debito "aldilà dei limiti consentiti" nel suo sforzo di pagare le fatture arretrate della pubblica amministrazione.

Lo ha detto oggi il portavoce della Commissione, Olivier Bailly, leggendo una dichiarazione del commissario Ue agli Affari economici Olli Rehn.

Il portavoce ha inoltre sottolineato che "l'evoluzione del debito è uno dei criteri analizzati nel valutare la chiusura di una procedura di deficit eccessivo nei confronti di un paese membro".

Il vicepresidente della Commissione Ue Antonio Tajani aveva invece invitato nei giorni scorsi le autorità italiane a pagare "tranquillamente" le fatture della pubblica amministrazione che ricadono sul debito.

Quanto alla fatture che ricadono sul deficit, la Commissione ha ribadito che si devono pagare "con urgenza", ma "garantendo la chiusura della procedura di deficit eccessivo contro l'Italia", che si può chiudere solo se Roma dimostra di saper restare sotto il 3% del deficit sul Pil per un periodo prolungato, di almeno due anni.

Sul sito www.reuters.it altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia