PUNTO 4-Governo, Pd si rimette a decisioni Napolitano

venerdì 29 marzo 2013 20:53
 

* Capo dello Stato si prende momento riflessione

* Pd respinge governissimo, si rammarica per no a Bersani

* Berlusconi rilancia idea governo politico larghe intese

* Grillo conferma contrarietà a governo politico, pseudo-tecnico (Aggiorna con termine consultazioni, Letta)

di Francesca Piscioneri e Antonella Cinelli

ROMA, 29 marzo (Reuters) - Al termine della giornata di consultazioni dei partiti al Quirinale, la parola sulla formazione del nuovo governo passa al presidente della Repubblica Giorgio Napolitano, che si è preso un momento di riflessione.

Il Pd, che senza la maggioranza in Senato ha tentato per cinque giorni invano di convincere gli altri partiti a consentire la nascita di un governo presieduto da Pier Luigi Bersani, ha rifiutato la controproposta di un esecutivo di larghe intese avanzata dal Pdl di Silvio Berlusconi e ora dice di affidarsi alle scelte del Quirinale.

"I contrasti aspri tra le forze politiche rendono non idoneo un governissimo con i partiti politici tradizionali", ha detto il vicesegretario del Pd Enrico Letta al termine delle consultazioni del presidente della Repubblica.

Letta ha aperto, però, alla possibilità di formare un governo non più presieduto da Bersani, ma scelto dal presidente della Repubblica tra eminenti personalità pubbliche, scartando l'ipotesi del ritorno immediato alle urne.   Continua...