PUNTO 2 - Italia, limite 3% deficit/Pil "invalicabile" - Grilli

giovedì 28 marzo 2013 17:00
 

* Monitoraggio per mantenere deficit sotto tetto 3%

* Prima tranche rimborsi attraverso Comuni

* Ceduti a banche 9 mld di debiti Pa pro soluto

* Nessuna notizia su downgrade Moody's (Aggiunge contesto all'ottavo paragrafo)

di Giuseppe Fonte

ROMA, 28 marzo (Reuters) - Il limite del 3% nel rapporto tra deficit e Pil "è invalicabile" e il governo annuncia "azioni di monitoraggio" in corso d'anno per garantire che l'Italia rispetti i parametri del Patto di stabilità europeo.

Il ministro dell'Economia, Vittorio Grilli, si mostra fiducioso sul fatto che "l'Italia possa uscire dalla procedura per deficit eccessivo" avviata nel 2009 dalla Commissione europea e conferma l'impegno a raggiungere quest'anno il pareggio di bilancio strutturale, cioè al netto del ciclo e delle misure una tantum.

Giovedì scorso il governo ha alzato al 2,9% l'obiettivo di indebitamento in rapporto al Pil del 2013 a fronte di un tendenziale del 2,4%.

Il margine di 0,5 punti servirà per liquidare 20 miliardi di crediti pregressi alle imprese fornitrici della pubblica amministrazioni. Altri 20 miliardi arriveranno nel 2014 ma l'impatto sui conti pubblici sarà limitato al debito pubblico, senza appesantire il deficit.   Continua...