Btp peggiorano nel finale, nervosismo voto spinge spread oltre 290 pb

mercoledì 6 febbraio 2013 17:42
 

MILANO, 6 febbraio (Reuters) - Vistoso deterioramento nelle
quotazioni dei governativi italiani nel tardo pomeriggio, tra
volumi sottili che amplificano la volatilità delle oscillazioni.
    Un clima pre-elettorale naturalmente sempre più teso offre
il fianco alla speculazione dei mercati, spiegano gli operatori,
aprendo la strada ai realizzi dopo il rally di oltre un mese che
ha messo le ali ai periferici nei confronti dell'Europa 'core'.
    "Più che vendere non c'è nessuno che compra... si specula
sull'avvicinarsi del voto come si è fatto, magari con meno
aggressività, prima delle elezioni francesi, greche e spagnole"
commenta un trader.
    Rispetto ai 282 punti base della chiusura di ieri, il premio
di rendimento del decennale Btp sulla controparte Bund tocca 
sulla piattaforma TradeWeb una punta a 294,8
centesimi per poi sgonfiarsi frazionalmente a 293.
    Un'accelerazione dei realizzi sull'Italia può essere messa
in relazione secondo l'addetto ai lavori anche all'ultima nota
datata ieri a cura di Barclays Capital, dedicata espressamente
all'appuntamento elettorale di fine mese dal titolo 'Italia:
aumentano i dubbi con l'avvicinarsi del voto'.
    "Con l'approssimarsi dell'appuntamento elettorale è
probabile un aumento della volatilità sull'obbligazionario e il
tasso del decennale italiano potrebbe riportarsi in area
5-5,50%. Anche se la pressione potrebbe aumentare, specialmente
in caso mancasse una chiara maggioranza in entrambi i rami del
parlamento, non prevediamo si torni a una situazione simile a
quella di luglio scorso o alle vendite dettate dal panico del
quarto trimestre 2011" scrivono Fabio Fois e Giuseppe Maraffino.
    Secondo gli analisti Barclays, lo scenario più rischioso
sarebbe quello di una maggioranza spaccata in Italia insieme al
peggioramento della crisi politica spagnola, che metterebbe a
repentaglio il progredire delle riforme nei due principali
periferici d'Europa.
    Come testimoniano anche i listini di borsa, ancora una volta
banche in testa, l'Italia soffre comunque oggi più della Spagna.
    
    "Non si può negare un certo effetto Monte dei Paschi, una
vicenda complessa di cui ancora poco si conosce... anche in
questo caso, peraltro, non va dimenticato che non si tratta
certo della prima volta che una banca europea viene coinvolta in
uno scandalo" commenta un addetto ai lavori.
    Soltanto in Inghilterra, l'indagine sulla manipolazione del
Libor è costata finora ammende pecuniarie a Barclays, Rbs,
Lloyds e Hsbc, che insieme a Standard Chartered e in passato
Lloyds, Ing, Credit Suisse e la stessa Barclays è stata multata
anche per infrazione alla normativa anti-riciclaggio.
 
    Di oggi pomeriggio la notizia, secondo una fonte vicina alla
situazione, di cinque trader Deutsche Bank sospesi per
manipolazione del tasso Euribor. 

============================ 17,30 ===========================  
FUTURES BUND MARZO          142,50   (+0,30)           
FUTURES BTP MARZO           110,71   (-0,74)           
BTP 2 ANNI  (NOV 14)    107,380  (-0,133) 1,718%   
BTP 10 ANNI (NOV 22)   107,707  (-0,745) 4,561%
BTP 30 ANNI (SET 40)    98,630  (-1,320) 5,157%   
========================= SPREAD (PB)=========================  
                                             ULTIMA CHIUSURA    
TREASURY/BUND 10 ANNI   36           36 
BTP/BUND 2 ANNI          151           144        
BTP/BUND 10 ANNI       293           282  
livelli minimo/massimo              278,4/294,8  276,1-294,6   
BTP/BUND 30 ANNI       279           269        
 
SPREAD BTP 10/2 ANNI                   284,3         280,9   
SPREAD BTP 30/10 ANNI                   59,6          59,4      
============================================================== 
    
    
    Sul sito www.reuters.it altre notizie Reuters in italiano. 
Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia