Voto, in Parlamento servirà ampia maggioranza per fare riforme - Monti

mercoledì 2 gennaio 2013 09:47
 

ROMA, 2 gennaio (Reuters) - Dalle elezioni politiche di fine febbraio dovrà uscire una maggioranza in Parlamento a favore delle riforme necessarie per rilanciare la crescita.

Lo dice il presidente del Consiglio uscente Mario Monti spiegando che, per rendere più competitiva l'Italia, occorre ridurre le tasse su lavoro e imprese, tagliare la spesa pubblica e introdurre "un sistema fiscale che consenta una redistribuzione del reddito dai più ricchi ai più poveri".

"Ora bisogna coalizzare coloro che sono disponibili per le riforme e non per la conservazione", ha detto Monti a Radio Anch'io rispondendo al segretario del Pd, Perluigi Bersani, che gli chiedeva di dire da che parte stia.

"Io sto per le riforme che rendano l'Italia più competitiva e creino più posti di lavoro. Io desidero che il mondo politico si schieri sulle idee. Sono salito, sceso, entrato in campo non schierandomi pro o contro sigoli partiti ma schierandomi fortemente per determinate idee", ha detto Monti definendo conservatori il leader di Sel, Nichi Vendola, e il responsabile economico del Pd Stefano Fassina.

Monti è tornato a criticare Silvio Berlusconi per i suoi continui cambi di posizione e, in tono sarcastico, ha detto di sperare che "gli elettori siano meno confusi" di lui nel comprendere ciò che dice il leader del Pdl.

(Giuseppe Fonte e Stefano Bernabei)

Sul sito www.reuters.com altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia