Usa, anche Camera vota accordo su 'fiscal cliff' dopo Senato

mercoledì 2 gennaio 2013 07:47
 

WASHINGTON, 2 gennaio (Reuters) - Con 257 voti favorevoli e 167 contrari, anche la Camera dei rappresentanti dopo il Senato ha approvato l'accordo per evitare il 'fiscal cliff', l'automatico aumento di imposte e tagli alla spesa pubblica per complessivi 600 miliardi di dollari che rischiavano di aggravare la congiuntura negli Stati Uniti.

Ora l'intesa, che prevede tra l'altro l'aumento dell'imposizione fiscale sui redditi familiari superiori a 450.000 euro, dovrebbe essere rapidamente ratificata dal presidente degli Stati Uniti, Barack Obama, ponendo fine a un braccio di ferro con il Congresso che si trascina da mesi.

Il Senato ha approvato l'accordo nella notte tra lunedì e martedì con 89 voti favorevoli e otto contrari.

Sul sito www.reuters.com altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia