Lusso, in 2013 settore non immune da crisi ma crescita continua-S&P

giovedì 20 dicembre 2012 15:48
 

20 dicembre (Reuters) - I produttori di beni di lusso nel 2013 non manterranno l'immunità dalle difficili condizioni economiche di cui hanno goduto negli ultimi due anni, ma continueranno comunque a crescere e conserveranno buoni parametri di credito.

E' quanto si legge in uno studio S&P dal titolo "Il lustro del settore dei beni di lusso si attenuerà ma non scomparirà nel 2013".

"Crediamo che i margini di profitto dei produttori di beni di lusso probabilmente quest'anno saranno un po' più bassi, ma dovrebbero comunque essere i più alti del settore dei beni di consumo", osserva l'analista S&P Caroline Duron.

L'agenzia di rating si aspetta che la generazione di cash flow resti piuttosto forte. "Nonostante le nostre attese di condizioni economiche fiacche, tutti i gruppi del settore hanno outlook stabile o positivo, riflettendo la nostra impressione che la qualità del credito dovrebbe essere preservata a meno di una grave crisi economica", sottolinea S&P.

"I produttori di beni di lusso hanno già dimostrato la loro abilità a fronteggiare una crisi", commenta Duron. "Hanno protetto i loro parametri di credito aumentando i prezzi, tagliando gli investimenti, rimandando la crescita esterna, riducendo la remunerazione degli azionisti ed entrando in nuove economie rigogliose. Inoltre la loro liquidità li protegge da un deterioramento delle attività".

La principale minaccia al profilo di credito dei gruppi del settore potrebbe arrivare da potenziali acquisizioni, conclude lo studio.

Sul sito www.reuters.it le altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia