Legge Stabilità, Senato vota fiducia, torna alla Camera

giovedì 20 dicembre 2012 13:22
 

ROMA, 20 dicembre (Reuters) - L'aula del Senato ha votato la fiducia chiesta dal governo sulla legge di Stabilità con 199 voti favorevoli e 55 voti contrari.

La manovra torna ora alla Camera per il via libera definitivo, forse già venerdì 21 o sabato 22 dicembre.

Una volta che il Parlamento avrà licenziato la legge di Stabilità, Mario Monti salirà al Quirinale per dimettersi. A quel punto il presidente della Repubblica, Giorgio Napolitano, scioglierà le Camere. Le elezioni si dovrebbero svolgere il 24 febbraio.

Complice la fine della legislatura che ha proiettato i partiti in campagna elettorale, il Senato ha modificato gran parte del disegno di legge, introducendo numerosi interventi di spesa, spesso di lieve entità e microsettoriali.

Lo stravolgimento del testo emerge in modo netto dal maxiemendamento sul quale i senatori hanno votato la fiducia: un unico articolo di 554 commi, 343 più 211 indicati come bis, ter e quater.

Sul fronte delle coperture, invece, sembra emergere un piccolo miglioramento dei saldi.

La manovra, nella versione uscita dalla Camera, prevedeva per il prossimo anno che una quota di impieghi pari a 2,487 miliardi fosse finanziata attraverso un aumento del deficit. Quantificando le modifiche del Senato, il ministero dell'Economia scrive nel nuovo Allegato 3 che i saldi del prossimo anno migliorano di 152 milioni. La quota della manovra finanziata a deficit dovrebbe quindi scendere a circa 2,34 miliardi.

Sul sito www.reuters.com altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia