Btp in rialzo, spread tocca minimi da marzo su appetito rischio

mercoledì 19 dicembre 2012 17:30
 

MILANO, 19 dicembre (Reuters) - Il secondario italiano
archiva la seduta odierna in rialzo, su un ritorno dell'appetito
di rischio innescato dalla decisione della Bce sul debito greco.
A beneficiare sono stati infatti tutti i titoli periferici, che
hanno registrato un crollo dei rendimenti.
    A sostegno di una visione più rosea della situazione
finanziaria mondiale interviene anche l'ottimismo sulla
possibilità che i democratici e repubblicani riescano a trovare
un accordo sul bilancio Usa che eviti la crisi fiscale.
    "Ci sono acquisti su tutta la curva. C'è una serie di
notizie positive che stanno spingendo gli hedge fund a buttarsi
sugli asset rischiosi", ha detto un dealer da Milano, che parla
di volumi limitati, ma "non risibili per la media di questo
periodo dell'anno".
    Lo spread tra Btp e Bund a dieci anni è sceso sotto il
minimo toccato prima del ritiro della fiducia del Popolo della
Libertà all'esecutivo, che ha poi spinto il premier Mario Monti
ad annunciare le proprie dimissioni, e si riporta ai minimi dal
21 marzo scorso, quando aveva toccato i 284 punti base. Il
differenziale, che ieri sera aveva chiuso a 304 punti base, è
sceso fino a 290 punti base, sotto il minimo di 298 punti base
segnato il 4 dicembre, due giorni prima dello
strappo del Pdl. 
    Il tasso del benchmark decennale italiano è
sceso in seduta fino a 4,356% da una chiusura ieri a 4,458%.
    "In questo momento il mercato è del tutto insensibile
all'evoluzione della situazione politica italiana. Gli
investitori sono a caccia di rendimenti, e ci sono alcune
notizie che li stanno incentivando" dice un dealer, che cita la
decisione della Banca centrale europea di riammettere i titoli
greci nel novero degli asset consegnabili dalla banche per
ottenere finanziamenti da Francoforte.
    Galvanizzate anche le altre periferie, con il tasso del
decennale greco febbraio 2013 è arrivato a rendere
il minimo di qualsiasi benchmark della stessa durata dal
febbraio 2011, con un tasso che ha toccato il punto più basso
della seduta a 11,357% da una chiusura ieri a 12,890%. E per la
prima volta dal febbraio 2011, il rendimento del decennale di
riferimento portoghese è sceso sotto il 7%, fino a
6,917% da 7,034% della precedente chiusura. 
    
=========================== 17,25 ============================  
FUTURES BUND MARZO          144,15   (-0,26)           
FUTURES BTP MARZO           111,46   (+0,56)           
BTP 2 ANNI  (NOV 14)    107,718  (+0,146) 1,833%   
BTP 10 ANNI (NOV 22)   109,155  (+0,533) 4,393%   
BTP 30 ANNI (SET 40)   101,538  (+0,786) 4,957%   
========================= SPREAD (PB)=========================  
                                             ULTIMA CHIUSURA    
TREASURY/BUND 10 ANNI   36            40 
BTP/BUND 2 ANNI          184           193        
BTP/BUND 10 ANNI       296           305    
livelli minimo/massimo              290,1-303,5  304,3-316,7   
BTP/BUND 30 ANNI       265           273        
 
SPREAD BTP 10/2 ANNI                   256,0         253,2   
SPREAD BTP 30/10 ANNI                   56,4          55,2      
============================================================== 
    
    
    
    Sul sito www.reuters.it altre notizie Reuters in italiano. 
Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia