Sanità Lazio, con piano rientro pareggio bilancio in 2014-15 - governo

lunedì 17 dicembre 2012 19:22
 

ROMA, 17 dicembre (Reuters) - Il Commissario per la sanità nel Lazio, Enrico Bondi, ha presentato oggi il piano di rientro del debito sanitario nella regione finalizzato al raggiungimento del pareggio di bilancio tra il 2014 e il 2015, secondo una nota di Palazzo Chigi.

Il piano "presenta buone prospettive di raggiungimento del pareggio di bilancio tra il 2014 e il 2015, a condizione che l'attuazione avvenga in modo graduale nel corso del prossimo triennio e che i Piani operativi vengano approntati sin dai primi mesi del 2013", si legge.

La manovra economica di riequilibrio si basa per il 50% sull'attuazione della Spending Review e per il restante 50% sull'abbattimento dei costi per l'acquisto di beni e servizi da parte delle aziende sanitarie del Lazio e della riorganizzazione della rete dell'offerta assistenziale, precisa la nota.

Il piano tiene conto degli standard ministeriali che "riducono al massimo a 3 per mille abitanti il numero di posti letto per acuti, una concentrazione delle medie ed alte specialità e un'aggregazione efficiente dei punti di offerta al fine di rafforzare le eccellenze".

Si consolida inoltre la dotazione dei posti letto ordinari nei presidi con pronto soccorso, incrementando complessivamente i posti letto di terapia intensiva, di osservazione breve e di medicina d'urgenza.

L'obiettivo è decongestionare progressivamente l'area dell'emergenza e garantire un trasferimento tempestivo dei pazienti dal Pronto Soccorso al posto letto in reparto, come richiede la migliore prassi assistenziale.

Il Piano prevede infine il consolidamento ed il potenziamento della rete assistenziale periferica.

Prevista poi la riattivazione nel 2013 di circa 2.500 posti destinati a non autosufficienti, anziani e malati terminali e altri 3.500 entro il 2015. Previsto anche "il rafforzamento dell'assistenza domiciliare con l'obiettivo di raggiungere entro il 2015 il soddisfacimento dell'intero fabbisogno regionale".

Sul sito www.reuters.it altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia