Grecia valuta estensione buyback a titoli ante-ristrutturazione

mercoledì 12 dicembre 2012 17:05
 

BERLINO, 12 dicembre (Reuters) - La Grecia potrebbe decidere di riacquistare anche titoli di Stato emessi prima della ristrutturazione del debito perfezionata a marzo in modo da centrare gli obiettivi di riduzione di debito pubblico dopo che il buyback chiuso ieri ha riscosso un interesse inferiore alle attese.

E' quanto emerge da un documento della zona euro datato oggi in cui si spiega che con l'operazione di riacquisto dello scorso marzo ha raccolto adesioni pari a 31,9 miliardi di euro, consentendo così di abbattere di soli 9,5 punti percentuali - meno dell'obiettivo di 11% - il rapporto debito/Pil entro il 2020.

Insieme ad altre misure, il buyback è finalizzato a fare scendere il debito pubblico ellenico a 124% del Pil nel 2020 rispetto al 190% atteso l'anno prossimo in assenza di questo tipo di interventi.

Proveniente da Berlino, il documento datato oggi suggerisce di colmare il 'gap' da 1,4 punti pecentuali di Pil nella riduzione del debito tramite una nuova offerta di riacquisto sui governativi ancora in mano agli investitori privati che non hanno aderito alla ristrutturazione di marzo scorso.

"Gli stati membri dell'area euro prenderanno in considerazione ulteriori misure di intervento di assistenza, se necessario, per portare il risultato complessivo di misure straordinarie aggiuntive del valore di 1,4% del Pil, a condizione che la Grecia centri gli obiettivi 2013 di saldo primario fissati dal memorandum d'intesa", si legge in una nota del documento.

Sul sito www.reuters.it altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia