Btp in rialzo dopo successo asta Bot, spread poco sopra 330 pb

mercoledì 12 dicembre 2012 13:01
 

MILANO, 12 dicembre (Reuters) - Mattinata positiva per il
mercato obbligazionario italiano, sostenuto dall'ottimo
risultato dell'odierna asta di Bot, primo test per l'Italia sul
mercato primario dopo le forti tensioni finanziarie generate tra
la fine della settimana scorsa e l'inzio di questa dall'apertura
della crisi di governo.
    Il Tesoro ha collocato i previsti 6,5 miliardi di euro di
Bot a 12 mesi - con rendimento sceso all'1,456% dall'1,762% di
un mese fa, ai minimi da marzo scorso - aiutato anche
dall'ingente importo di Buoni che giungevano contestualmente a
scadenza, in tutto 10,7 miliardi. 
    "È uscito un rendimento molto più basso delle nostre attese.
Il rally è stato fortissimo stamattina, la domanda c'era, alcuni
investitori hanno visto il sell-off di lunedì come il momento
per rientrare sull'Italia a condizioni più favorevoli" commenta
la strategist di UniCredit Chiara Cremonesi. "È sicuramente un
buonissimo segnale che - pur avvicinandosi le elezioni e pur
essendo dicembre sempre un mese delicato - il rendimento sia
sceso così tanto a soli due giorni da quello che è successo sul
fronte politico".
    Significativo a detta degli operatori, oltre al calo del
rendimento, il forte dato relativo alla copertura, passato a
1,94 dal precedente 1,76.
    "L'asta di oggi ha mostrato il livello più alto di
bid-to-cover da oltre un anno, dall'1,99 del novembre 2011"
rileva Alessandro Giansanti di Ing, che parla di domanda "molto
forte".
    "Il Bot di oggi beneficia anche del fatto che la curva è
molto ripida sui tassi monetari e quindi c'è uno spostamento
dalle scadenze più brevi a quelle un po' più lunghe, come
l'annuale" nota lo strategist. 
    Nel corso della seduta di lunedì, alla riapertura del
mercato dopo le dimissioni annunciate dal presidente del
Consiglio Mario Monti, lo spread Italia/Germania è balzato fino
oltre i 360 punti base. Ma già da ieri è tornato a prendere il
sopravvento un clima di decisa distensione.
    Intorno a metà seduta lo spread tra Btp e Bund decennali
tratta intorno ai minimi intraday, a 334 punti base, contro i
341 della chiusura di ieri, mentre il rendimento sul dieci anni
italiano - salito fino al 4,91% lunedì - è ridisceso stamane al
minimo del 4,68%.
    "È un mercato che tende a recuperare, qualcuno si è fatto un
po' male oggi, ovvero si è scoperto nei giorni scorsi ma ora non
riesce a rientrare, d'altra parte l'asta è uscita a un paio di
'basis point' a premio" commenta un trader da Milano. "La curva
si sta ancora irripidendo oggi nel tratto 2-10 anni, le
indicazioni sono positive per le aste di domani".
    
    OTTIMISMO PER COLLOCAMENTO BTP DOMANI
    La settimana scorsa, prima che l'ex premier Silvio
Berlusconi manifestasse la volontà di presentarsi alle prossime
elezioni e il Pdl togliesse la fiducia al governo Monti, il
tasso del decennale aveva rivisto i minimi da circa due anni,
scendendo sotto quota 4,40%, e lo spread era riuscito a bucare
al ribasso, seppur brevemente, quota 300 punti base.
    "Il mercato si sta convincendo che Monti ha delle
possibilità di restare alla guida del Paese, quindi per ora non
si sconta un grosso rischio politico immediato, anche se i
rischi torneranno sicuramente ad inizio 2013 con l'avvicinarsi
delle elezioni" avverte lo strategist di Rbs Biagio Lapolla.
    Ora il focus si sposta sui collocamenti a medio lungo di
domani, sicuramente il test principale in questa settimana di
metà dicembre, anche se gli importi saranno relativamente
contenuti: il Tesoro offre tra 2,5 e 3,5 miliardi del nuovo Btp
triennale dicembre 2015 (cedola 2,75%) e tra 500 e 750 milioni
del Btp 15 anni marzo 2026, che torna in asta dopo al riapertura
di settembre, a sua volta la prima dopo oltre un anno di assenza
dal primario.
    Sul mercato grigio il nuovo triennale tratta a
fine mattinata sopra la pari, ad un rendimento che un operatore
calcola attorno al 2,62%, in linea con il 2,64% dell'asta di
novembre. Il benchmark a 15 anni tratta al
rendimento del 4,90%, sensibilmente sotto il 5,32% dell'ultimo
collocamento, con un potenziale ritorno ai minimi dal novembre
2010.
           
=========================== 12,40 ============================  
FUTURES BUND MARZO          145,16   (-0,25)           
FUTURES BTP MARZO           109,01   (+0,55)           
BTP 2 ANNI  (NOV 14)    107,208  (+0,188) 2,136%   
BTP 10 ANNI (NOV 22)   106,834  (+0,467) 4,682%   
BTP 30 ANNI (SET 40)    97,117  (+1,166) 5,264%   
========================= SPREAD (PB)=========================  
                                             ULTIMA CHIUSURA    
TREASURY/BUND 10 ANNI   33            34 
BTP/BUND 2 ANNI          219           232        
BTP/BUND 10 ANNI       334           341    
livelli minimo/massimo              333,3-340,1  338,6-360,2   
BTP/BUND 30 ANNI       301           311        
 
SPREAD BTP 10/2 ANNI                   254,6         248,4   
SPREAD BTP 30/10 ANNI                   58,2          61,2      
============================================================== 
    
    
    Sul sito www.reuters.it le altre notizie Reuters in
italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia