Btp chiudono in rialzo dopo tensioni di ieri, ora focus su aste

martedì 11 dicembre 2012 17:39
 

MILANO, 11 dicembre (Reuters) - Chiusura in positivo per i
Btp che affrontano le imminenti aste italiane di metà mese in un
clima maggiormente disteso dopo le turbolenze connesse alle
annunciate dimissioni del presidente del Consiglio Mario Monti.
    Le forti vendite registrate ieri hanno avuto un breve
seguito oggi in apertura, poi la giornata ha lasciato spazio ad
un graduale recupero della carta italiana.
    "Il mercato è partito un po' titubante stamattina, poi c'è
stata una buona performance su tutte le scadenze" spiega un
trader da Milano. "Ieri abbiamo avuto un forte flattening della
curva, che oggi recupera irripidendosi un po'".
    Su piattaforma Tradeweb lo spread di rendimento tra Btp e
Bund decennali termina la seduta in area 341 punti base (contro
i 352 della chiusura di ieri), dopo essere sceso nel pomeriggio
anche sotto quota 340. Parallelamente il rendimento sul dieci
anni italiano - salito fino al 4,91% ieri e ancora fino al 4,89%
oggi in apertura - è ridisceso oggi fino al minimo del 4,72%.
    Improbabile tuttavia che i rendimenti possano tornare
nell'immediato ai minimi della settimana scorsa, prima che l'ex
premier Silvio Berlusconi manifestasse la volontà di presentarsi
alle prossime elezioni e il Pdl togliesse la fiducia al governo
Monti: il decennale si era portato sotto il 4,40%, ai livelli
più bassi dal novembre 2010, e lo spread era riuscito a bucare
al ribasso, seppur brevemente, quota 300 punti base.
    "Per ora sarà difficile rivedere i livelli di una settimana
fa, anche perché la reazione di ieri ci fa capire che la
volatilità tornerà a salire man mano che ci avvicineremo alle
elezioni" prosegue il trader. "Ora il focus è sulle aste, anche
se la situazione mi pare molto tranquillizzata, specie rispetto
a ieri mattina quando si era visto un po' di panico, soprattutto
dall'estero".
    
    OFFERTA NETTA NEGATIVA SOSTERRA' DOMANDA BOT IN ASTA
    Domani il Tesoro offrirà 6,5 miliardi di euro di Bot a 12
mesi su 10,7 miliardi in scadenza tra buoni annuali e
trimestrali; sul mercato grigio il Bot tratta al
rendimento dell'1,688%, sotto l'1,762% dell'asta di novembre: a
tali livelli siamo ai minimi da marzo scorso.
    "Ci aspettiamo una buona domanda e un premio limitato
rispetto alla curva per il 12 mesi" si legge in una nota di
Unicredit. "L'umore di mercato sembra essersi stabilizzato e
l'offerta netta ampiamente negativa dovrebbe rappresentare un
fattore molto positivo per l'asta".
    Si prosegue giovedì con l'offerta a medio-lungo: tra 2,5 e
3,5 miliardi del nuovo Btp triennale dicembre 2015 (cedola
2,75%) e, a sorpresa, la riapertura del 15 anni marzo 2026, per
massimi 750 milioni.
    "L'importo è contenuto, specie quello del 15 anni, e questo
dovrebbe permettere di gestire in tranquillità le aste" afferma
lo strategist di una banca italiana. "Probabilmente il Tesoro ha
riscontrato l'interesse degli investitori per la scadenza più
lunga e ha giudicato limitate nel tempo le tensioni di ieri,
come in parte è stato, quindi nonostante tutto ha deciso di
riaprire il 15 anni".
    A dare sostegno alla carta periferica hanno contribuito oggi
anche lo Zew tedesco - di nuovo in positivo per la prima volta
da maggio - e l'andamento senza problemi delle
aste a breve spagnole e greche della mattinata 
. 
    Intanto, nel tardo pomeriggio sono giunte le prime
indicazioni sull'esito del programma di buyback sui titoli di
Stato greci in mano ad investitori privati. Secondo fonti le
adesioni hanno raggiunto un controvalore nominale di 31,8
miliardi; tuttavia il prezzo medio di riacquisto di 33,5,
leggermente superiore alle attese, non permette di centrare il
target di riduzione del debito al 124% del pil nel 2020
. Nel pomeriggio si tiene una conference call dei
ministri finanziari della zona euro per discutere i prossimi
passi da intraprendere per raggiungere gli obiettivi previsti di
alleggerimento del carico debitorio greco.
          
=========================== 17,30 ============================  
FUTURES BUND MARZO          145,37   (-0,23)           
FUTURES BTP MARZO           108,58   (+0,69)           
BTP 2 ANNI  (NOV 14)    107,022  (+0,175) 2,248%   
BTP 10 ANNI (NOV 22)   106,441  (+0,676) 4,732%   
BTP 30 ANNI (SET 40)    96,000  (+1,552) 5,344%   
========================= SPREAD (PB)=========================  
                                             ULTIMA CHIUSURA    
TREASURY/BUND 10 ANNI   34            32 
BTP/BUND 2 ANNI          232           243        
BTP/BUND 10 ANNI       341           352    
livelli minimo/massimo              338,6-360,2  347,8-363,5   
BTP/BUND 30 ANNI       311           323        
 
SPREAD BTP 10/2 ANNI                   248,4         247,9   
SPREAD BTP 30/10 ANNI                   61,2          64,1      
============================================================== 
    
    
    Sul sito www.reuters.it le altre notizie Reuters in
italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia