PUNTO1- Italia, per Ue in linea con impegni su deficit 2013/2014-Grilli

martedì 4 dicembre 2012 18:11
 

(unisce pezzi precedenti, aggiunge dichiarazioni Grilli, contesto)

BRUXELLES, 4 dicembre (Reuters) - L'aggiornamento odierno della Commissione Ue sulle procedure per deficit eccessivo mostra che l'Italia è in linea con l'obiettivo di ricondurre il deficit sotto i target previsti nel 2013 e nel 2014. Ma dal punto di vista congiunturale, nonostante qualche segnale di ripresa e il forte calo dello spread Btp/Bund, non si sono ancora create le condizioni per misure di carattere espansivo.

Lo ha detto il ministro dell'Economia Vittorio Grilli.

"L'Italia è risultata assolutamente in linea con gli impegni di riconduzione del deficit all'interno degli obiettivi previsti l'anno prossimo e il seguente", ha detto Grilli nel corso di una conferenza stampa dopo i lavori dell'Ecofin.

L'Italia è attualmente alle prese con l'obiettivo di mantenere il deficit/Pil 2012 sotto il 3%. L'ultima stima governativa si attesta al 2,6%, ma Bankitalia ha recentemente affermato che questo obiettivo non è scontato. Un valore inferiore al 3% porterebbe alla chiusura della procedura di deficit eccessivo attualmente aperta nei confronti dell'Italia. Le previsioni del governo per il 2013 e il 2014 si attestano per il deficit/Pil rispettivamente all'1,5 e all'1,3%.

In termini strutturali l'Italia si è impegnata a raggiungere una posizione di bilancio 'close to balance' nel 2013 e nel 2014. E per gli anni a venire Bankitalia ha già affermato che potrebbe essere prudente pensare a una manovra correttiva nella primavera 2013 per assicurare il pareggio strutturale anche dopo il prossimo anno.

GRILLI: NON C'E' SPAZIO PER MISURE ESPANSIVE

Di fronte a chi chiede invece misure espansive Grilli si limita a dire che, nonostante i primi segnali di ripresa e lo spread Btp/Bund in forte calo, non c'è spazio per manovre anticicliche.   Continua...