PUNTO 3 - Fisco, delega torna in commissione, rischio stop

martedì 27 novembre 2012 19:25
 

* Si allungano i tempi al Senato, improbabile attuazione

* Contrasto governo-partiti su accorpamento agenzie fiscali

* Ceriani: qualcuno vuole mani libere prima del voto (Aggiunge commento Ceriani)

di Giuseppe Fonte

ROMA, 27 novembre (Reuters) - Il contrasto tra governo e partiti sull'accorpamento delle agenzie fiscali ha indotto la conferenza dei capigruppo del Senato a far tornare in commissione Finanze il disegno di legge delega in materia fiscale mettendo a rischio l'attuazione della delega.

Una volta che le Camere avranno approvato il disegno di legge, infatti, il governo dovrà varare alcuni decreti attuativi per dare concreta attuazione ai principi di riordino del sistema fiscale. Il tutto a circa due mesi dal probabile scioglimento delle Camere per le elezioni politiche.

"La delega torna in commissione. È in corso una verifica per capire se la delega possa essere esaminata in aula durante la sessione di bilancio", riferisce il presidente dei deputati Pdl, Maurizio Gasparri, specificando che con tutta probabilità il disegno di legge tornerà in aula dopo il via libera alla Legge di stabilità, "attorno al 20 dicembre".

Vieri Ceriani, sottosegretario all'Economia, non nasconde l'irritazione del governo: "E' un peccato perché ci vanno di mezzo i contribuenti e le imprese. C'è qualcuno che pensa che senza delega può avere le mani libere per la campagna elettorale".

I partiti hanno approvato in commissione un emendamento che rimanda a giugno 2013 da dicembre 2012 la fusione delle agenzie (le Entrate devono assorbire il Territorio e le Dogane i Monopoli di Stato). Il governo ha insistito finora per cancellare lo slittamento.   Continua...