PUNTO 3-Intesa riapre in Sud Europa segmento covered bond lunghi

giovedì 22 novembre 2012 18:15
 

(aggiunge dettagli da nota Intesa Sanpaolo)

di Gabriella Bruschi

MILANO, 22 novembre (Reuters) - Con il covered bond da 1,25 miliardi lanciato stamane sale a quasi 10 miliardi l'outstanding da Intesa Sanpaolo per gli strumenti garantiti, lo strumento ancora molto utilizzato dagli istituti di credito per raccogliere capitali a tassi contenuti.

E quello più gradito dagli investitori per via delle garanzie sottese e del buon rating. Oggi gli istituzionali esteri hanno richiesto ben l'83% dell'emissione..

Il bond odierno di Intesa si spinge sulla curva fino al 2022, una scadenza non vista sui covered bond emessi da banche del Sud Europa da oltre un anno, attirando ordini per oltre 5 miliardi di euro, nonostante un rendimento ben sotto quello dei Btp di pari durata.

Il bond è stato prezzato stasera a 99,03 per offrire una cedola del 3,625% e un rendimento pari a 200 punti base sopra il tasso del midswap (rivisto dall'iniziale 'area 220 pb'), pari oggi al 3,743%, contro il 4,80% del Btp decennale benchmark, il novembre 2022.

Lead manager dell'operazione sono Barclays, Deutsche Bank, Banca Imi e Societe Generale.

"Spuntare 110 punti base in meno rispetto al rendimento dei Btp è un record" dice uno dei lead manager. "L'interesse degli investitori è stato decisamente fortissimo".

Ma emettere bond garantiti conviene anche alle emittenti, dal punto di vista del costo del debito. Lo scorso ottobre Intesa ha emesso un bond senior a sette anni, pagando un rendimento pari a 315 punti base sul midswap.   Continua...