Antichi Pellettieri deposita ricorso su ristrutturazione debito

martedì 20 novembre 2012 18:28
 

MILANO, 20 novembre (Reuters) - Il Cda di Antichi Pellettieri ha deliberato di depositare in tribunale un ricorso ai sensi dell'articolo 182-bis, sesto comma, della legge fallimentare.

Le trattative con le banche, si legge in un comunicato della società, "hanno portato ad una condivisione del testo di un accordo di ristrutturazione dei debiti... pur permanendo la necessità di definire ancora taluni elementi residuali e, in ogni caso, senza che tali trattative abbiano sinora condotto all'assunzione di impegni vincolanti".

L'accordo con le banche prevede che queste sottoscrivano un aumento di capitale riservato, "con emissione di una particolare categoria di azioni con diritto di voto limitato ai sensi dell'articolo 2351, comma 2, del codice civile".

Il sesto comma dell'articolo 182-bis della legge fallimentare, ricorda la nota, "prevede una forma di tutela per la società già nella fase delle trattative, e quindi prima della formalizzazione dell'accordo con il ceto creditorio. Stabilisce, infatti, che la società possa richiedere di beneficiare del divieto per i creditori di iniziare o proseguire azioni cautelari o esecutive".

Il deposito del ricorso al Tribunale di Reggio Emilia "consentirà alla società di beneficiare dell'esenzione dall'applicazione dell'articolo 2447 del codice civile e della causa di scioglimento per riduzione o perdita del capitale sociale di cui all'articolo 2484, sino ad intervenuta omologa, nei termini di legge, dell'accordo di ristrutturazione".

Per leggere il comunicato integrale, i clienti Reuters possono cliccare su

Sul sito www.reuters.it altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia