Btp in rialzo, tono positivo dopo aste ieri e Pil migliore attese

giovedì 15 novembre 2012 12:36
 

MILANO, 14 novembre (Reuters) -    Il mercato
obbligazionario italiano è in leggero rialzo, in un clima
definito dagli operatori abbastanza positivo per l'Italia,
superate con successo le aste e con un dato sul Pil, sebbene in
contrazione, migliore delle attese.
    Il tono del mercato è in generale positivo dopo i dati sul
Pil in vari paesi della zona euro, risultati in alcuni casi
anche migliori delle attese e il bund, partito in rialzo per
acquisti rifugio a causa delle incertezze che ancora aleggiano
attorno alla Grecia, a metà seduta si è portato in territorio
negativo. 
    Gli acquisti degli investitori si sono così spostati sui
periferici e sull'Italia in particolare.
    Lo spread tra il rendimento di titoli di Stato italiani e
tedeschi a dieci anni si attesta in area 360 punti base a metà
seduta dai 364 pb della chiusura di ieri.  
   Il rendimento del decennale italiano si conferma sotto la
soglia del 5%, in area 4,950 dal 4,975% del finale di seduta di
ieri. 
     "Il mood è positivo sull'Italia in questo momento e lo sarà
fino alla fine dell'anno" dice Alessandro Giansanti, strategist
di Ing. "Gli investitori notano che l'Italia si è messa alle
spalle le aste ottenendo una buona domanda e rendimenti in calo,
mentre l'economia è meno peggio delle attese". 
     Stamane il dato del Pil del terzo trimestre ha mostrato una
contrazione a -0,2% inferiore a quella attesa dagli economisti
di -0,5% e a quella del trimestre precedente di -0,7%
. 
    La Grecia resta il focus principale. Si sta ancora 
discutendo a livello europeo su come sbloccare la prossima 
tranche di aiuti ad Atene con la Germania che vorrebbe unificare
in un solo blocco le tre tranche ancora esistenti. 
   Secondo quanto riferito da una fonte della zona euro ieri 
sera, il nuovo Eurogruppo convocato per la prossima settimana 
sul tema della Grecia non punta a trovare una soluzione 
definitiva fino al 2020 ma soltanto a traghettare Atene fino al 
2014, coprendone le esigenze di raccolta. 
    Oggi Rehn ha sottolineato che la soluzione sarà una
combinazione di diversi elementi. Ma ciò su cui c'è rigoroso
accordo è il fatto che il capitale non devev essere toccato
 
    Si è tenuta in Francia oggi l'ultima seduta di una settimana
piuttosto affollata. Parigi ha collocato titoli con scadenza
media (204, 2015 e 2017) per 7,49 miliardi e
inflation link per altri 1,33 miliardi per un totale di 8,82
miliardi, a fronte di un totale di offertta fino a 9 miliardi.  
========================== 12,15 =============================  
FUTURES BUND DIC.           143,05   (-0,09)           
FUTURES BTP DIC.            107,94   (+0,23)           
BTP 2 ANNI  (NOV 14)    107,128  (+0,049) 2,315%   
BTP 10 ANNI (NOV 22)   104,808  (+0,168) 4,943%   
BTP 30 ANNI (SET 40)    92,682  (+0,178) 5,593%   
========================= SPREAD (PB)=========================  
                                             ULTIMA CHIUSURA    
TREASURY/BUND 10 ANNI   26            27 
BTP/BUND 2 ANNI          235           236        
BTP/BUND 10 ANNI       360           364    
livelli minimo/massimo              358,5-365,8  355,3-364,2   
BTP/BUND 30 ANNI       336           339        
SPREAD BTP 10/2 ANNI                   262,8         263,1   
SPREAD BTP 30/10 ANNI                   65,0          63,0      
============================================================== 
    
    
Sul sito www.reuters.it altre notizie Reuters in italiano. 
Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia