Btp in rialzo dopo buone aste ieri, spread 346 pb,tasso 10 anni sotto 5%

mercoledì 31 ottobre 2012 12:57
 

MILANO, 31 ottobre (Reuters) - Il mercato obbligazionario
italiano è in rialzo stamane, ancora corroborato dal buon
risultato delle aste di fine mese con gli investitori che
sembrano anche un po' più tranquilli rispetto alla situazione
politica.
    "Tutte le aste sono andate bene, ma soprattutto quelle di
ieri che hanno visto un netto calo dei rendimenti" dice un
dealer. "Ciò corrobora il mercato e lo sostiene".
    Ieri i Btp a 5 e a 10 anni sono stati collocati per il
massimo dell'offerta di 7 miliardi, a rendimenti ai minimi da
quasi un anno e mezzo.
    Oggi si terranno le riaperture di questi due titoli
riservate agli specialisti, con un'offerta aggiuntiva di 1,650
miliardi (1,2 mld del Btp 5 anni e 450 mln del Btp 2022) che,
visto l'andamento al rialzo del mercato rispetto al collocamento
di ieri, è presumibile che verranno ben richieste.  
    I dealer dicono che il mercato obbligazionario in generale
vede un'attività limitata per via dell'arrivo del ponte di
Ognissanti, "ma credo che l'intonazione positiva possa tornare
più fitta da lunedì".
    In ambito politico si sono acquietate le preoccupazioni di
un ritorno in campo di Silvio Berlusconi o delle sue minacce a
voler far cadere il governo Monti, fattori che in parte avevano
fatto lievitare lo spread. 
    A metà seduta, su piattaforma Tradeweb, il differenziale di
rendimento tra decennali italiani e tedeschi è a
346 punti base, in restringimento dai 353 pb della chiusura di
ieri. Parallelamente, il rendimento sul dieci anni italiano
 scende al 4,95% dal 5,00% dell'ultima chiusura.  
    Stamane hanno pesato sul mercato in generale anche le aste
in Germania e in Francia. Quest'ultima ha collocato 7,5 miliardi
di titoli 2019, 2022 e 2035, mentre Berlino ha
scelto di testare il mercato con un lunghissimo, il bund
trentennale collocato per 1,7 miliardi a un rendimento del 2,34%
e con un bid-to-cover di 2,7%. "L'asta tedesca ha riscosso più
successo delle scorse volte, perchè gli investitori appassionati
di debito teutonico si sono buttati a capofitto visto che questi
titoli offrono un po' più di rendimento rispetto allo zero o
quasi a cui sono abituati" dice uno strategist. 
    Il tema dominante resta la Grecia. In programma oggi una
conference call dell'Eurogruppo per discutere dei progressi
della trattativa sulla revisione del piano di salvataggio della
Grecia, anche se non sono ancora attese decisioni. 
    Il ministro delle Finanze greco Stournaras ha presentato la
legge di bilancio stamane da cui è emersa la previsione di una
contrazione del Pil nel 2013 del 4,5% e con un debito/pil del
189,1%. 
    "Si va avanti un po' a rilento sul tema della Grecia, ma il
mercato sta assumendo che si vada comunque verso una conclusione
positiva" dice un altro dealer. 
         
========================== 12,40 =============================  
FUTURES BUND DIC.           141,36   (-0,18)           
FUTURES BTP DIC.            107,57   (+0,34)           
BTP 2 ANNI  (NOV 14)    106,989  (+0,094) 2,455%   
BTP 10 ANNI (NOV 22)   104,672  (+0,312) 4,962%   
BTP 30 ANNI (SET 40)    92,961  (+0,617) 5,571%   
========================= SPREAD (PB)=========================  
                                             ULTIMA CHIUSURA    
TREASURY/BUND 10 ANNI   25            25 
BTP/BUND 2 ANNI          241           248        
BTP/BUND 10 ANNI       347           353     
livelli minimo/massimo              345,0-349,0  348,2-355,2   
BTP/BUND 30 ANNI       325           329        
SPREAD BTP 10/2 ANNI                   250,7         248,9   
SPREAD BTP 30/10 ANNI                   60,9          61,6      
==============================================================  

    
Sul sito www.reuters.it altre notizie Reuters in italiano. 
Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia
Sul sito www.reuters.it altre notizie Reuters in italiano. Le
top news anche su www.twitter.com/reuters_italia