31 ottobre 2012 / 12:47 / tra 5 anni

SINTESI-Banchieri e Bankitalia chiedono a partiti di proseguire azione Monti

* Visco: rigore bilancio senza riforme sarebbe controproducente

* Mussari: Italia torna nel baratro se si abbandona agenda Monti

* Bankitalia, reddito reale famiglie calato 9% in 5 anni

* Grilli: per vedere risultati riforme e rigore occorre tempo (Accorpa pezzi, aggiunge contesto)

di Giselda Vagnoni e Stefano Bernabei

ROMA, 31 ottobre (Reuters) - I sacrifici sostenuti dagli italiani per azzerare il deficit pubblico e riconquistare la fiducia dei mercati si rivelerebbero controproducenti se il governo che prenderà il posto dell‘esecutivo tecnico di Mario Monti bloccasse il processo di riforme strutturali necessario a rilanciare la crescita.

E’ il messaggio inviato in forma diversa ma con identica urgenza dal governatore della Banca d‘Italia e dal presidente dell‘Associazione bancaria italiana in occasione della Giornata mondiale del risparmio.

“Gli interventi in atto, in Europa e nei paesi più colpiti dalla crisi, avranno successo solo se tutte le parti in causa terranno pienamente fede agli impegni presi. L‘aggiustamento di bilancio senza le riforme strutturali finirebbe inevitabilmente per essere controproducente”, ha detto Ignazio Visco.

“Tutti coloro che si candidano a guidare il Paese dovrebbero dissipare ogni dubbio circa la ferma adesione agli obiettivi di finanza pubblica tracciati in sede europea ed ai punti che hanno più qualificato in questi mesi difficili l‘azione del governo Monti”, ha detto Giuseppe Mussari.

Venire meno alla parola data, ha osservato il presidente dell‘Abi, “ci riporterebbe nel baratro”.

Gli appelli di Visco e Mussari arrivano dopo che le elezioni regionali siciliane e la minaccia di ritiro della fiducia a Monti da parte di Silvio Berlusconi hanno confermato il clima di disaffezione verso i vecchi partiti degli elettori e la frammentarietà politica con la quale l‘Italia si avvia a sostituire l‘esecutivo dei tecnici.

A cinque mesi dalle elezioni di primavera la sfiducia dei cittadini è alimentata dalla crisi economica.

Secondo i dati forniti dalla Banca d‘Italia, nell‘ultimo quinquennio il reddito reale delle famiglie è diminuito del 9% portando il tasso di risparmio nazionale, storicamente alto, sotto il 17%, livello inferiore alla media europea. La Germania è al 22% e la Francia al 18%.

LEGGE STABILITA’ CONSEGUA OBIETTIVI DEFICIT

Nel suo intervento al palazzo della Cancelleria, il governatore ha sottolineato i rischi di un circolo vizioso che vede l‘economia crescere poco e ridursi la capacità di risparmio, con la conseguenza che le famiglie si sentono “più incerte e sfiduciate” e la crescita frena ulteriormente.

Per sfuggire a questa tenaglia, secondo il governo Monti, è cruciale non deragliare.

“Quando si cambia ci vuole tempo. I cambiamenti introdotti dal governo possono avere effetti solo medio periodo. Il prossimo governo dovrà continuare sulla strada delle riforme”, ha detto il ministro dell‘Economia Vittorio Grilli alla platea di banchieri e supervisori.

Un concetto sostenuto dal governatore: “Le riforme strutturali sosterranno, nel medio periodo, il potenziale di crescita del Paese. E’ cruciale conseguire gli obiettivi di bilancio annunciati, dare piena attuazione al programma di riforme, ampliandone il campo d‘azione”.

Tuttavia, osserva Visco, “le riforme non potranno dispiegare pienamente i propri effetti se dubbi e incertezze sul futuro della moneta unica dovessero mantenere gli spread sovrani al di sopra dei valori coerenti con i fondamentali economici di ciascun paese”.

Sabato il numero due di Bankitalia, Fabrizio Saccomanni, ha detto che 200 punti di differenziale tra i Btp e i Bund decennali sarebbero più che sufficienti a giustificare il rischio di credito contro l‘attuale spread a 350 punti.

La politica monetaria della Banca centrale europea, ha detto ancora Visco oggi, può essere “un argine efficace contro queste distorsioni, ma i benefici potranno essere duraturi solo se la disciplina di bilancio e le riforme nazionali ed europee proseguiranno con la necessaria risolutezza”.

- hanno collaborato Giuseppe Fonte e Alberto Sisto

Sul sito www.reuters.it altre notizie Reuters in italiano Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia

0 : 0
  • narrow-browser-and-phone
  • medium-browser-and-portrait-tablet
  • landscape-tablet
  • medium-wide-browser
  • wide-browser-and-larger
  • medium-browser-and-landscape-tablet
  • medium-wide-browser-and-larger
  • above-phone
  • portrait-tablet-and-above
  • above-portrait-tablet
  • landscape-tablet-and-above
  • landscape-tablet-and-medium-wide-browser
  • portrait-tablet-and-below
  • landscape-tablet-and-below