PUNTO 1-Governo lavora fino a primavera 2013, non teme Berlusconi - Monti

lunedì 29 ottobre 2012 17:13
 

* Monti: Cosa succede se cade mio governo? Chiedete a mercati

* Attenti a rincorrere miti come 'supercommissario' bilanci Ue

* Spread Btp-Bund continua a essere ingiustificatamente alto (Aggiunge dichiarazioni Monti)

di Francesca Piscioneri e Julien Toyer

ROMA/MADRID, 29 ottobre (Reuters) - Mario Monti non considera "una minaccia" la possibilità che il Pdl ritiri la fiducia al suo governo dopo le affermazioni dell'ex premier Silvio Berlusconi, e continua a lavorare per portare a termine la legislatura nella primavera del 2013. Piuttosto il premier si domanda quale sarebbe la reazione dei mercati in caso di caduta anticipata del suo esecutivo.

Parlando a Madrid durante una conferenza stampa congiunta con il primo ministro spagnolo Mariano Rajoy, Monti ha anche detto che lo spread tra i Btp e i Bund a 10 anni continua ad essere ingiustificatamente alto e ha ribadito che l'Italia non chiederà l'attivazione del meccanismo salva-Stati.

Per Rajoy, invece, il suo governo chiederà l'attivazione dello scudo "se lo riterrà nell'interesse della Spagna".

"Minacce di ritiro della fiducia a questo governo non possono essere fatte non perché non possa essere ritirata la fiducia ma perché non lo vivremmo come una minaccia...a noi non toglierebbe niente, se non un'attività di governo che non e' stata da noi ricercata", ha risposto Monti a chi chiedeva se la minaccia di ritiro dal governo da parte del Pdl arrivata ieri da Berlusconi lo preoccupasse.

L'ex premier di centrodestra, condannato nei giorni scorsi in primo grado a 4 anni di reclusione (ridotti a uno per l'indulto) e all'interdizione dai pubblici uffici per 5 anni, ha detto sabato che valuterà assieme ai vertici del Pdl se aspettare la scadenza naturale della legislatura o far cadere prima il governo, accusato di essere stato troppo prono di fronte alle richieste di rigore economico della cancelliera tedesca Angela Merkel.   Continua...