Legge Stabilità, Moavero: governo impegnato a difendere bene Italia

venerdì 26 ottobre 2012 17:33
 

CAPRI, 26 ottobre (Reuters) - Nella difficile battaglia parlamentare sulla Legge di Stabilità il governo è impegnato a difendere gli interessi del Paese nel dialogo con i partiti e i sindacati.

Lo ha detto il ministro per gli Affari europei Enzo Moavero Milanesi a margine del convegno dei Giovani imprenditori di Confindustria in corso a Capri.

"Siamo motivati ad ottenere i risultati positivi per il Paese che noi crediamo in tutta coscienza e onestà di lavoro siano opportuni e necessari", ha detto Moavero a Reuters.

Il disegno di legge che ha sostituito la vecchia legge Finanziaria fissa l'obiettivo di un pareggio in bilancio strutturale il prossimo anno concordato da Roma a livello europeo e le misure per conseguirlo.

Sul fronte delle spese sono previsti risparmi per sanità e scuola mentre dal lato delle entrate viene introdotto un controverso taglio dell'Irpef accompagnato da un taglio delle agevolazioni fiscali e da un aumento dell'Iva.

Tutti i partiti che sostengono Monti hanno chiesto importanti modifiche preoccupati che l'operazione possa tradursi in un ulteriore peggioramento della situazione delle famiglie a pochi mesi dalle elezioni di primavera.

Ma la Banca d'Italia ha avvertito che per la credibilità del Paese è fondamentale conseguire quest'anno un deficit inferiore al 3% del Pil e che sarebbe anche opportuno procedere in primavera a ulteriori manovre per assicurare il pareggio di bilancio anche nel 2014 e nel 2015.

Nel governo, ha spiegato Moavero, non prevale la preoccupazione ma l'impegno.

"Questi sono normali terreni di sfida [per i governi]. Non è solo in Italia che esistono discussioni sulle diverse leggi di Stabilità nazionali. Anzi in molti Paesi europei la situazione del deficit nazionale è più sbilanciata che da noi", ha detto.   Continua...