Legge stabilità, meno tasse per redditi 15.000/29.000 euro - C. Conti

martedì 23 ottobre 2012 14:11
 

ROMA, 23 ottobre (Reuters) - La Legge di stabilità dovrebbe ridurre il carico fiscale ai contribuenti con un reddito tra 15.000 e 29.000 euro.

Lo dice il presidente della Corte dei conti, Luigi Giampaolino, spiegando che il saldo tra minore Irpef e maggiore Iva dovrebbe essere negativo per chi dichiara un reddito fino a 15.000 euro.

"La soluzione proposta appare sfavorevole per i contribuenti Irpef collocati nelle più basse classi di reddito complessivo (20 milioni di soggetti, fino a 15.000 euro): il taglio delle aliquote Irpef, che non tocca i 10 milioni di incapienti, avrebbe risultati limitati anche per i restanti 10 milioni, mentre l'aumento delle aliquote Iva inciderebbe in misura significativa", ha detto Giampaolino.

"Per contro, dovrebbe risultare positivo il saldo per i 15 milioni di contribuenti che dichiarano un reddito medio-basso (da 15.000 a 29.000 euro). Gli sgravi derivanti dal taglio alle aliquote Irpef dovrebbero essere in grado di assorbire sia i nuovi limiti agli oneri deducibili e, soprattutto per tale tipologia di contribuenti, agli oneri detraibili; sia il maggiore carico fiscale determinato dall'aumento dell'Iva", ha aggiunto.

Sul sito www.reuters.com altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia