Legge stabilità, stretta fiscale su banche e assicurazioni - bozza

venerdì 12 ottobre 2012 13:21
 

ROMA, 12 ottobre (Reuters) - Tra le coperture della Legge di stabilità entra anche una stretta sul trattamento fiscale di banche e assicurazioni.

La bozza più recente del provvedimento modifica la manovra di dicembre nella parte che ha consentito alle banche di riallineare i valori contabili di marchi e avviamenti a seguito di fusioni e acquisizioni.

Lo schema dell'agevolazione prevedeva il pagamento di un'imposta sostitutiva a fronte di un minor gettito in dieci anni dovuto alle maggiori deduzioni per le quote di ammortamento.

Più in dettaglio, la manovra ha ripartito il pagamento dell'imposta sostitutiva in tre rate: la prima nel 2013 e le ultime due nel 2014. Le maggiori deduzioni sarebbero scattate dal periodo di imposta successivo a quello in corso al 31 dicembre 2014.

La Legge di stabilità impone ora il pagamento dell'imposta "in un'unica rata da versare entro il termine di scadenza dei versamenti del saldo delle imposte sui redditi dovute per il periodo di imposta 2012. Non solo, i benefici fiscali delle maggiori deduzioni scatteranno solo a partire al periodo d'imposta successivo a quello in corso "al 31 dicembre 2019", cioè dopo cinque anni rispetto all'attuale normativa.

In più, l'imposta sulle riserve matematiche che grava sulle compagnie di assicurazione salirà dal 2013 allo 0,50 da 0,35%.

"A decorrere dal periodo di imposta successivo a quello in corso al 31 dicembre 2012, la percentuale è aumentata allo 0,50%", si legge nel disegno di legge.

Sul sito www.reuters.com altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia