Fondi politica, Bersani: rivedere federalismo, nel Lazio voto subito

mercoledì 26 settembre 2012 08:41
 

ROMA, 26 settembre (Reuters) - Per il leader del Partito democratico Pier Luigi Bersani la riforma della Costituzione che ha introdotto il federalismo regionale era in parte sbagliata e va modificata nella prossima legislatura. Ma nel frattempo bisogna ridurre subito i costi della politica nelle regioni, anche introducendo un controllo esterno sulla spesa.

"Bisogna riflettere sul regionalismo. Perché negli ultimi dieci anni... c'è stata una deriva per rispondere al rischio secessione della Lega. Abbiamo imbastito un'organizzazione dello Stato e un livello di autonomia delle Regioni che non ha contrappesi né razionalità", ha detto Bersani in un'intervista pubblicata oggi dal quotidiano "Il Messaggero" sullo scandalo dei fondi ai partiti che nel Lazio ha provocato un'inchiesta della magistratura e le dimissioni del presidente regionale Renata Polverini.

Il leader democratico ha spiegato che bisogna "assolutamente" rivedere il Titolo V della Costituzione, modificato dalla maggioranza di centrosinistra nel 2011: "Le Regioni hanno avuto un ruolo straordinario ma devono riassumere una coerenza in un'organizzazione statale. Dobbiamo mettere un freno alla degenerazione di questo impianto".

"Non si può... pensare che la sanità a base regionale porti a costi abissalmente diversi tra una Regione e l'altra senza consentire nella dimensione centrale a un equilibrio di costi standard", ha detto ancora Bersani.

Parlando del Lazio, il segretario del Pd ha detto che bisogna andare al voto subito, respingendo l'idea di un "Election Day" in primavera con le politiche. Ieri una fonte governativa ha detto a Reuters che il governo sta valutando "i pro e i contro" dell'accorpamento elettorale, considerato che oltre che per le politiche a Roma si vota anche per Comune e Provincia.

"Prima si vota meglio è. Non c'è nessun calcolo... Basta girare per strada, sentire cosa dicono i cittadini del Lazio", ha concluso Bersani.

- Sul sito www.reuters.it le altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia