PUNTO 1 - Governo peggiora stime crescita, deficit, debito

giovedì 20 settembre 2012 19:58
 

* Resta confermato obiettivo pareggio strutturale in 2013

* Monti: Italia deve continuare in modo risoluto strada intrapresa

* Grilli esclude richiesta aiuti a Ue (Aggiunge dettagli da nota, commenti Monti e Grilli)

di Giuseppe Fonte

ROMA, 20 settembre (Reuters) - La recessione più acuta del previsto ha indotto il governo a peggiorare la previsione sull'andamento dell'economia italiana e a rivedere al rialzo le stime del deficit e del debito per l'anno in corso e il prossimo.

L'obiettivo di un pareggio strutturale del bilancio per il 2013 concordato con l'Unione europea viene,tuttavia, confermato.

"Se l'Italia non dovesse continuare in modo risoluto sulla strada intrapresa, i mercati darebbero segnali negativi", ha commentato Mario Monti al termine del Consiglio dei ministri che ha approvato le nuove stime macro e sui conti pubblici.

Il premier ha confermato che il governo lavora per scongiurare l'aumento dell'Iva "sine die", cioè anche dopo il 30 giugno prossimo.

Nella nota di aggiornamento del Documento di economia e finanza (Def) la stima sul Pil 2012 peggiora a -2,4% dal -1,2% di aprile e quella sul Pil 2013 a -0,2% da +0,5%.   Continua...