Btp chiudono riducendo rialzo, spread resta in area 335 pb

venerdì 14 settembre 2012 17:47
 

MILANO, 14 settembre (Reuters) - Leggero ritracciamento dai
massimi nel pomeriggio per il mercato obbligazionario italiano,
in parallelo però a quello tedesco,  in modo tale che il
differenziale di rendimento rimane pressoché invariato, in un
clima che resta decisamente positivo. 
    Qualche pressione in più si è vista sul mercato spagnolo, in
parte nell'attesa delle aste della prossima settimana, in parte 
per rumours legati al rating di Madrid, secono i dealer.
    Fin da stamane si era vista un'accelerazione delle
quotazioni e una maggiore propensione al rischio dopo il nuovo
piano di stimolo annunciato ieri dalla Federal Reserve. Il nuovo
QE3, che si baserà sull'acquisto di titoli garantiti da mutui
immobiliari, per la cifra di 40 miliardi di dollari al mese.
    Lo spread tra decennali italiani e tedeschi ha visto un
minimo di seduta oggi a 330,5 pb, livello più basso dopo il 327
punti base del 3 aprile scorso. In chiusura si
trova in area 335 pb. 
    Il rendimento del Btp decennale è sceso stamane sotto la
soglia del 5% per la prima volta da marzo. Stasera
si colloca attorno a 5,03%. Il rendimento del decennale spagnolo
nel pomeriggio è tornato a 5,85%.
    "Un po' di ritracciamento in chiusura di settimana è
assolutamente normale" dice un dealer facendo riferimento a
prese di beneficio. "La cosa positiva è che l'Italia ha messo
alle spalle le aste, mentre altri paesi, sia core sia
periferici, saranno alle prese la prossima settimana, il che
potrebbe dare vantaggio ai Btp e allo spread". 
    La prossima settimana sono stimate aste in Europa per un
totale di circa 16 miliardi, con l'attenzione soprattutto per lo
Schatz tedesco mercoledì e per il nuovo 3 anni insieme alla
riapertura del 10 anni in Spagna giovedì. 
    Attenzione oggi per la riunione dei ministri delle Finanze
della zona euro a Nicosia. 
    Il ministro dell'Economia Vittorio Grilli ha ribadito che
l'Italia non dovrà presentare un piano dettagliato di riforme,
come richiesto dall'Unione europea alla Spagna.
Madrid presenterà entro la fine del mese un nuovo pacchetto di
riforme strutturali basate sulle raccomandazioni dell'Unione
europea, con una tempistica dettagliata, ma per il momento non
ha voluto esplicitare la propria strategia. 
    Il ministro delle Finanze Luis de Guindos ha eluso le
domande sul tema al suo arrivo a Cipro, limitandosi a dire che
si discuterà in termini generici delle condizioni per
l'intervento della Bce sui mercati. 
    Il timore è che tempi troppo lunghi per la messa in
sicurezza delle finanze di Madrid possano innervosire gli
operatori, spingendo nuovamente verso l'alto i tassi dei titoli
iberici e riaccendere la tensione sui mercati periferici
 
     
========================== 17,30 =============================  
 
FUTURES BUND DIC.           138,83   (-1,46)          
FUTURES BTP DIC.            105,95   (+0,09)           
BTP 2 ANNI  (NOV 14)    107,266  (+0,034) 2,523%   
BTP 10 ANNI (SET 22)   104,212  (+0,067) 5,019%   
BTP 30 ANNI (SET 40)    89,814  (+0,049) 5,817%  
========================= SPREAD (PB)=========================  
                                             ULTIMA CHIUSURA    
TREASURY/BUND 10 ANNI   19            21
BTP/BUND 2 ANNI          243           245        
BTP/BUND 10 ANNI       335           349    
livelli minimo/massimo              330,5-343,2  337,1-353,1  
BTP/BUND 30 ANNI       330           342        
SPREAD BTP 10/2 ANNI                   249,6         251,2      
  
SPREAD BTP 30/10 ANNI                   79,8          74,6      
============================================================== 
    
    
Sul sito www.reuters.it altre notizie Reuters in italiano. 
Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia