PUNTO 3-Monti chiede a sindacati accordo su produttività in tempi brevi

martedì 11 settembre 2012 19:56
 

* Monti ai sindacati: serve accordo con imprenditori per metà ottobre

* Passera dice che ci sono molte possibilità per aumentare stipendi

* Per il governo risorse per intervenire sul lavoro ci sono ma sono poche (Cambia titolo riscrive e aggiunge altre dichiarazioni)

di Alberto Sisto

ROMA, 11 settembre (Reuters) - Il presidente del Consiglio Mario Monti ha detto ai sindacati che dovranno trovare l'intesa per aumentare la produttività del lavoro con gli imprenditori entro l'8 o al massimo il 16 ottobre. Due date che coincidono con altrettanti appuntamenti internazionali a cui evidentemente il presidente del Consiglio vuole arrivare con qualche risultato in tasca.

Non a caso Monti ha aperto l'incontro di oggi a palazzo Chigi con Cgil, Cisl, Ugl e Uil dicendo che a livello internazionale la scarsa produttività del sistema Italia forse ora pesa più dello spread. Il governo italiano inoltre deve riuscire a centrare, dopo l'impostazione del riequilibrio finanziario e la riforma del mercato del lavoro, anche uno degli altri punti previsti dalla lettera della Banca centrale europea dell'estate scorsa, sottoscritta dall'allora governo, che prevedeva una maggiore attenzione per la parte di salario legata alla produttività.

La richiesta di un risultato in tempi brevi ha lasciato spiazzati tutte i segretari di Cgil, Uil, Ugl, ma non della Cisl anche se nel corso dell'incontro, durato circa 2 ore e mezza, il ministro dello Sviluppo economico, Corrado Passera, si è premurato di dire che "di risorse non c'è ne sono molte anche se il governo, nella posizione di mediatore che si è ricavato, non mancherà di metterle a disposizione di un accordo".

GOVERNO NON CERCA MODERAZIONE SALARIALE   Continua...