PUNTO 1-Unicredit, 1,8% Lia stabile, non esclude aumento- Derregia

mercoledì 20 giugno 2012 14:47
 

(aggiunge dettagli, dichiarazioni e contesto)

MILANO, 20 giugno (Reuters) - Libyan Investment Authority intende mantenere la sua quota in UniCredit, pari all'1,8% dopo l'aumento di capitale, e non esclude di poterla aumentare qualora dovessero presentarsi opportunità interessanti in questa direzione.

E' quanto ha dichiarato in un incontro con la stampa a Milano Mohsen Derregia, presidente del fondo sovrano creato nel 2006 che gestisce asset per circa 60 miliardi di dollari sia direttamente sia attraverso le controllate Lafico, Libyan African Portfolio (Lap), Oil Invest (Tamoil) e the Long Term Portfolio.

"Non abbiamo potuto partecipare all'ultimo aumento di capitale, ma pensiamo che la nostra quota sia significativa e intendiamo mantenerla. Se ci saranno opportunità interessanti di acquistare azioni lo faremo", ha detto Derregia.

Il presidente del fondo libico ha aggiunto che oggi incontrerà il top management di UniCredit senza però dare dettagli sui contenuti della riunione.

Nell'azionariato di UniCredit è presente anche Central Bank of Libya. Per questo motivo Derregia ritiene che i due azionisti meritino una rappresentanza nel board, persa con l'ultimo rinnovo che ha visto il Cda di UniCredit ridursi di numero.

"Noi abbiamo l'1,8%, Central Bank of Libya quasi due volte tanto. Insieme abbiamo una quota significativa, noi lo chiederemo, poi vediamo", ha detto a questo proposito.

Lia ha partecipazioni anche in altre società italiane come Eni, Finmeccanica, Fiat, Fiat Industrial e Juventus. Tuttavia le quotazioni di mercato depresse sconsigliano oggi la dismissione di queste quote per fare cassa.

"A questi prezzi non ha senso vendere", ha spiegato Derregia. Per il nostro paese non c'è un interesse specifico per settori particolari ma qualsiasi opportunità di acquisto in società "stabili e solide" potrebbe essere interessante.   Continua...