G20, Europa si impegna a rafforzare unione

martedì 19 giugno 2012 08:33
 

LOS CABOS, Messico, 19 giugno (Reuters) - Sotto la pressione dei mercati finanziari e dei leader internazionali, l'Europa si è impegnata a lavorare per un sistema bancario più integrato, con l'obiettivo di disinnescare la crisi del debito che minaccia la sopravvivenza dell'euro.

Al vertice messicano del G20 a Los Cabos, la Germania e i suoi partner dell'eurozona, con un'iniziativa inconsueta, hanno illustrato nel dettaglio le misure per completare l'unione economica e monetaria lanciata 13 anni fa.

Tra gli impegni contenuti nella bozza di comunicato del G20 c'è quello di considerare passi concreti per una "architettura finanziaria maggiormente integrata" in Europa, che includerebbe una supervisione bancaria comune e solide garanzie di rimborso per i correntisti delle banche.

La formulazione della dichiarazione suggerisce che la Germania si stia aprendo all'idea di una maggiore cooperazione bancaria.

Il presidente Usa Barack Obama, preoccupato che la crisi del debito europea possa aggravarsi pesando sulle sue speranze di essere rieletto, ha incontrato la cancelliera Angela Merkel.

Il portavoce di Obama ha detto che il presidente ha trovato incoraggianti i colloqui, in cui si è parlato di passi per "accrescere l'integrazione europea".

Il presidente Ue Jose Manuel Barroso ha dato voce alla frustrazione per la pressione che sta spingendo l'Europa ad agire in fretta.

Ha detto che i membri del G20 devono capire che ci vorrà tempo perché le 17 democrazie dell'eurozona si accordino su come costruire una reale unione finanziaria, fiscale e politica, e ha chiesto agli altri membri G20 di smetterla di dare lezioni: "Di certo non veniamo qui per ricevere lezioni".

- Sul sito www.reuters.it le altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia