Contrabbando, denunciato imprenditore con 50 kg d'oro nascosti in auto

lunedì 18 giugno 2012 16:51
 

MILANO, 18 giugno (Reuters) - Gli uomini della Guardia di Finanza di Ponte Chiasso, in provincia di Como, hanno sequestrato 50 kg d'oro nascosti sull'auto di un imprenditore di Varese che stava per passare il confine svizzero e hanno denunciato l'uomo per contrabbando.

L'operazione, effettuata giovedì scorso, è stata resa nota oggi dalle Fiamme Gialle e rientra nell'ambito dei controlli che i militari in borghese effettuano in una fascia di 10 km sulla linea di confine, chiamata "zona di vigilanza doganale".

I finanzieri hanno fermato l'auto con a bordo l'uomo, titolare di un negozio di alimentari, e la figlia 20enne: ad un primo controllo non hanno rilevato nulla, ma insospettiti dall'atteggiamento dei due hanno deciso di approfondire le ricerche portando l'auto in caserma.

"E' stato trovato un doppio fondo creato modificando la strutture del mezzo", ha spiegato a Reuters il tenente colonnello Alessandro Luchini, comandante del Gruppo Ponte Chiasso.

I finanzieri hanno così trovato circa 50 kg di lunghe strisce d'oro, dette "verghe", simili a tavolette di cioccolato e divise in 10 pacchetti da circa 5 kg l'uno, per un valore complessivo di circa 2 milioni di euro, ha spiegato ancora il comandante.

Sia l'imprenditore che la figlia non hanno fornito alcun tipo di spiegazione relativamente alla provenienza dell'oro: per questo il metallo prezioso e l'auto sono stati sequestrati e i due sono stati denunciati a piede libero per contrabbando.

Sono infatti i due ad avere "l'onere di dimostrare la legittima provenienza di quanto stavano trasportando", ha sottolineato Luchini.

Dalla denuncia partiranno ora le indagini per verificare se si tratti effettivamente di contrabbando o di altri reati, come la ricettazione o l'evasione fiscale.

(Ilaria Polleschi) - Sul sito www.reuters.it le altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia