Autostrade, innalzata a 60% soglia minima lavori a terzi -bozza dl sviluppo

venerdì 15 giugno 2012 13:44
 

ROMA, 15 giugno (Reuters) - Il decreto sviluppo che il governo sta approvando nella riunione di questa mattina ha elevato al 60% dal precedente 50% la soglia minima di lavori che le concessionarie, comprese quelle autostradali, debbono affidare a terzi, contraendo così la quota di lavori in house.

La norma, attesa, era stata duramente criticata dal presidente dell'Aiscat, associazione delle concessionarie autostradali, Fabrizio Palenzona.

"Questo governo ha in un primo momento concordato di elevare al 50% ed ora ha innalzato al 60% la percentuale minima di lavori che le società titolari delle vigenti concessioni di costruzione e gestione autostradale devono affidare a terzi. Un fatto molto grave. Si incide infatti su contratti già in essere creando ulteriori diffidenze degli investitori, allontanandoli ancora di più dal nostro Paese", ha detto Palenzona.

Il presidente dell'Aiscat ha ricordato che la normativa europea "lascia all'autorità concedente l'obbligo di imporre al concessionario l'affidamento a terzi del 30% dei lavori oggetto di concessione lasciando ai concessionari il 70%".

(Stefano Bernabei e Giuseppe Fonte)

Sul sito www.reuters.it altre notizie Reuters in italiano Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia