Bei, banda larga Italia priorità, attende realtà chiara-Scannapieco

giovedì 14 giugno 2012 14:44
 

MILANO, 14 giugno (Reuters) - La banda larga in Italia è una priorità e la Banca Europea per gli Investimenti, una volta che si sarà chiarito il quadro nazionale, è pronta a fare la sua parte.

E' questa l'opinione di Dario Scannapieco, vice-presidente della Bei.

"Ci piacerebbe lavorare sulla banda larga" ha detto a margine di un convegno Centrobanca-Bocconi sul project-bond.

"E' una priorità. Quando la realtà sarà chiara, noi saremo pronti" ha aggiunto a proposito dello scenario italiano che al momento vede impegnate da un lato F2i (e Metroweb), dall'altro Telecom Italia che pure la Cassa Depositi e Prestiti, azionista forte di F2i, si è detta pronta a finanziare.

Scannapieco si è anche soffermato sulle altre due priorità, energia e trasporti per le quali, unite alla banda larga, il piano per la crescita europeo prevede investimenti per 1.000 miliardi di euro. "Siamo a un buon punto per un progetto in Italia nel settore trasporti" ha anticipato il vice-presidente della Bei senza scendere nei dettagli.

In tema di trasporti Scannapieco ha poi plaudito alla creazione della relativa Authority, augurandosi che si muova sulla falsariga dell'Authority per l'Energia a cui, ha ricordato Scannapieco, è stato riconosciuto a livello mondiale la bontà del prorpio operato.

Sul sito www.reuters.it altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia