Crisi, sfuma varo decreto incentivi, infrastrutture - fonte

giovedì 7 giugno 2012 16:00
 

ROMA, 7 giugno (Reuters) - Il Consiglio dei ministri non approverà oggi l'annunciato decreto sulla revisione degli incentivi alle imprese e il rilancio delle infrastrutture.

Lo riferisce una fonte governativa limitandosi a ricordare che il provvedimento non figura all'ordine del giorno.

Dal governo non filtra altro ma il rinvio deriva dalla difficoltà di trovare risorse adeguate da mettere a copertura delle numerose agevolazioni fiscali contenute nel pacchetto messo a punto dal ministro dello Sviluppo, Corrado Passera.

Già nei giorni scorsi, mano a mano che si accavallavano le diverse bozze del decreto, era emerso il progressivo ridimensionamento delle misure.

Il caso più emblematico è il capitolo incentivi. Una prima bozza prevedeva un credito di imposta sugli investimenti in ricerca e sviluppo del 30%, riconosciuto su una spesa annua di massimo 600.000 euro annui. Una bozza successiva aveva ridimensionato la misura ad un credito di imposta pari di massimo 300.000 euro ma per l'assunzione di personale qualificato.

Discorso analogo anche per l'altro intervento bandiera del decreto: l'aumento della soglia per la compensazione tra crediti fiscali. In base ad alcune versioni del decreto il tetto massimo sarebbe dovuto salire da circa 516.000 a 700.000 euro ma la mancanza di fondi adeguati non consente al Tesoro di dare il via libera all'agevolazione.

(Giuseppe Fonte)

Sul sito www.reuters.com altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia